Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Alla scoperta del paese dove non è possibile morire. Quello che succede...

Alla scoperta del paese dove non è possibile morire. Quello che succede è incredibile

Una freddissima città situata su un’isola norvegese ha sostanzialmente proibito ai suoi abitanti di morire. La motivazione ha dell’incredibile: pare che i corpi non marciscano mai.

Longyearbyen è una piccola città mineraria di carbone di 2.000 abitanti nel remoto arcipelago delle isole Svalbard in Norvegia.

È la città più settentrionale del mondo e il suolo è permanentemente ghiacciato. Basti pensare che la temperatura media di febbraio è di -17 ° C.

Le autorità hanno “vietato la morte” nel 1950 quando hanno scoperto corpi sepolti sotto il cimitero locale che non si stavano decomponendo a causa del freddo estremo.

Il fenomeno è un serio rischio per la salute. Nel 1918, undici persone sono morte e sono state sepolte nel villaggio durante la catastrofica pandemia di influenza spagnola, che ha ucciso circa il 5% della popolazione mondiale.

Campioni del virus influenzale spagnolo sono stati recentemente estratti da alcuni dei corpi in modo che i ricercatori potessero studiare la malattia nel tentativo di prevenire un’epidemia simile.

Ci sono molti altri fatti insoliti su questa città bizzarra. Ad esempio, i residenti sono obbligati per legge a portarsi dietro un fucile se lasciano i limiti della città, perché l’area circostante ospita 3.000 orsi polari.

C’è anche un limite al numero di alcolici che i residenti possono acquistare: 24 lattine di birra, due bottiglie di whisky e mezza bottiglia di vino fortificato al mese.

Longyearbyen, inoltre, ha l’università più a nord del mondo.