Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca Orrore in Calabria: scuoia e arrostisce un cagnolino per mangiarlo, fermato nigeriano

Orrore in Calabria: scuoia e arrostisce un cagnolino per mangiarlo, fermato nigeriano

Terribile scoperta nel centro di accoglienza migranti di Briatico, provincia di Vibo Valentia. Un giovane nigeriano di 29 anni è stato scoperto mentre arrostiva un cagnolino per mangiarlo.
Una volontaria di un’associazione animalista ha denunciato quello che stava accadendo ai carabinieri, che sono intervenuti nel centro d’accoglienza trovando il 29enne mentre stava arrostendo il cane sul fuoco. 

Secondo le prime informazioni, l’immigrato avrebbe negato di aver ucciso l’animale. L’avrebbe trovato morto sul ciglio della strada, e quindi avrebbe provveduto a scuoiarlo e mangiarlo, senza sapere che in Italia cibarsi di cani e gatti è illegale. Avrebbe detto ai carabinieri che il cane è molto apprezzato nel suo Paese.
Il cane era un meticcio di taglia media, che l’immigrato ha provveduto a scuoiare e aromatizzare per poi cuocerlo sul fuoco allo scopo di mangiarlo assieme ad altri connazionali.

Il nigeriano è E.M., classe ’88, e sembra purtroppo che non sia nuovo a certe abitudini. L’uomo avrebbe questi particolari gusti alimentari, ma questa volta la volontaria animalista è riuscita a fermare il macabro pasto prima che avvenisse. Per il cane era troppo tardi: ma l’immigrato ha negato di averlo ucciso ed ha sostenuto di aver trovato il cane morto sul ciglio della strada.
La cosa strana è che nel centro accoglienza il 29enne gode di vitto ed alloggio. L’uomo è stato trasferito al Cas (centro di accoglienza straordinaria) di Nicotera, nel centralissimo Hotel Miragolfo. I carabinieri indagano sulla macabra vicenda.

R.M.