Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Bimba rapita, stuprata ed uccisa: ecco la pena per il killer che la famiglia ha chiesto al giudice

CONDIVIDI

Per lo stupro e l’uccisione di una bambina di soli 6 anni, Imran Ali, pakistano, è stato condannato a 4 ergastoli e quindi alla messa a morte in pubblica piazza per mezzo impiccagione, oltre che ad un risarcimento alla famiglia della bambina. La pena era stata chiesta dalla famiglia. La piccola Zainab Amin, della quale Imran Ali era un lontano parente, era stata trovata senza vita dopo essere scomparsa da alcuni giorni da casa. La morte della piccola aveva sconvolto profondamente la comunità ed era sorta subito una grande sete di vendetta.

La piccola era stata violentemente stuprata ed il suo corpo senza vita abbandonato come della spazzatura, dei particolari che avevano scioccato profondamente la comunità locale.
Infine, il colpevole, un parente alla lontana di Zainab, era stato accusato: inizialmente si era difeso ed aveva respinto le accuse, ma poi ha confessato, tanto che anche il suo avvocato ha deciso di rinunciare al caso.

Al termine del dibattimento Imran è stato riconosciuto colpevole di sequestro di persona, stupro, omicidio, terrorismo da parte del tribunale speciale di Lahore. L’uomo ha ancora 15 giorni per contestare la sentenza e per tentare un ricorso, ma c’è da sottolineare che è stato lui stesso a confessare.
La famiglia ha chiesto che l’uomo venisse impiccato nella pubblica piazza.