Home Tempi Postmoderni Viaggiatore nel tempo torna dall’anno 5000 e mostra le prove fotografiche

Viaggiatore nel tempo torna dall’anno 5000 e mostra le prove fotografiche

Questo 2018 è cominciato all’insegna delle mode social più assurde (sicuramente avrete sentito parlare degli adolescenti che si nutrono di detersivi per raggiungere view), tra le quali quella più curiosa è legata ai viaggiatori nel tempo. Tutto è cominciato con un soggetto che ha dichiarato sul web di essere andato in missione per il governo britannico nel 8973 e che per provare il tutto si è sottoposto in video ad un test della verità effettuato da un altro uomo.

Impressionato dalla popolarità raggiunta da questo video, un altro ragazzo, questa volta proveniente da Los Angeles, ha spiegato di aver preso parte ad un progetto top secret nel corso del quale ha viaggiato nel tempo arrivando fino al 5018. Per dare credibilità alla sua storia, il sedicente viaggiatore nel tempo, si è fatto oscurare la faccia e modificare la voce affinché, dice nel video, chi lo ha fatto viaggiare nel tempo non capisse che si tratta di lui. Il fantasioso giovane (si fa per dire visto che il suo racconto sembra una variante di Waterworld) racconta di essersi imbattuto in una imponente città sommersa in cui gli abitanti vivevano la loro vita come in una novella Atlantide.

La causa di questo futuro è il surriscaldamento globale: nel futuro il calore ha sciolto le calotte polari sommergendo tutte le città, ma il ragazzo non spiega in che modo gli umani si sarebbero abituati a quelle condizioni di vita senza morire. Un racconto simile ha una credibilità rasente lo zero e per questo motivo il viaggiatore ha portato con se una prova fotografica che mostra la città sommersa dall’alto. Non è difficile però notare che si tratta di un fotomontaggio: salta subito all’occhio come non esista contrasto di colore e definizione tra la città sommersa e quello che si trova sopra la superficie dell’acqua il che dimostra che la foto non è stata scattata da una fotocamera semi sommersa. A questo bisogna aggiungere che la città immortalata è esattamente identica ad una città contemporanea.