Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

In giro con la gang: un’interessante inchiesta legata alla gang che attacca con l’acido

CONDIVIDI

Nel corso del 2017 una banda di criminali in maschera ha terrorizzato la capitale britannica effettuando rapine a mano armata in cui hanno usato contro gli incolpevoli civili ogni genere di arma, dalle spade all’acido. Le indagini sulle rapine ha portato i poliziotti di Scotland Yard ad identificare e incarcerare 9 membri della gang e porre fine ai loro atti criminali. In un recente documentario firmato ‘BBC’ che andrà in onda domenica prossima sulla ‘BBC Three‘ vengono svelati numerosi dettagli sul modus operandi della banda.

Intervistato da una giornalista il membro della gang soprannominato “TopKat” ha dichiarato di aver usato: “Coltelli, spade, mazze e persino acido”, aggiungendo che già in un’occasione precedente alle rapina aveva utilizzato l’acido per ferire un ragazzo a cui voleva sottrarre lo smartphone: “Lo spruzzato nella sua faccia solo per farlo sanguinare, stava letteralmente bruciando. Urlava dal dolore”. Il criminale ha inseguito cercato di giustificare l’uso di armi dicendo che se non portasse con se almeno un coltello uno di loro sarebbe morto durante le rapine.

Gli assalti più complicati, quelli alle gioiellerie, erano studiati nei minimi particolari. Prima di entrare in azione il gruppo esaminava le strade attorno all’obiettivo per avere un percorso di fuga ottimale e non essere catturati. Tra i tanti furti, quello che ha destato maggiore clamore è stato quello ad Ilsington, nella parte nord di Londra, effettuato di proposito in un orario di traffico intenso per aver modo di confondersi tra la folla e fare perdere le proprie tracce: “Siamo semplicemente andati dentro, è stato solo quando ci siamo avvicinati che hanno realizzato: ‘Ok è troppo tardi’”, spiega all’intervistatrice tale “Mr.X”, il quale poi aggiunge, parlando dei furti in strada: “E’ come rubare caramelle ad un bambino, in 15-20 secondi posso prendere tre, quattro smartphone”.