Home Spettacolo Mikaela, la velina bionda di Striscia: “Sono stata vittima di porno-bullismo”

Mikaela, la velina bionda di Striscia: “Sono stata vittima di porno-bullismo”

Vessata e tormentata solo perchè di colore. E’ la stessa Mikaela Neaze Silva, velina bionda di Striscia la Notizia, a raccontare gli episodi di razzismo subiti non appena ha debuttato sul piccolo schermo.

Mikaela ha deciso di rivelare a Radio Capital i feroci attacchi ricevuti anche sui social. Ma non è tutto: nel corso dell’intervista la velina bionda di Striscia racconta anche altri retroscena a dir poco inquietanti.

“Nell’ultimo mese ho ricevuto messaggi poco gradevoli su Instagram – racconta la velina del tg satirico – che è l’unico social che sto utilizzando. Erano messaggi con insulti non contro la mia etnia, come all’inizio del mio lavoro a Striscia, ma erano di tipo diverso. Erano stati collegati al mio nome messaggi vocali che giravano su whatsapp. Erano messaggi vocali di una ragazza con un accento lombardo, e io sono ligure, di origine pornografica, ma non mi riguardavano. La gente che non mi conosce pensava fossi io. I messaggi venivano lanciati da un hacker con la mia foto allegata”.

Mikaela ha detto di aver fatto subito la denuncia, ma di aver anche pensato a tutte quelle ragazze costrette a subire queste orribili provocazioni senza protezione mediatica. “Abbiamo visto casi in cui alcune ragazze si sono uccise – ha aggiunto la velina – Sono cose indecenti”.