Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Uomo con disturbi psichici torturato e seviziato: arrestati 3 uomini, ma la condanna è una barzelletta

CONDIVIDI

Sono stati arrestati per aver seviziato, torturato e minacciato di morte un uomo con dei problemi mentali. Tre immigrati, due 19enni ed uno di 16 anni, sono stati arrestati in Svezia dopo che hanno violentato una persona con problemi psichici.
Tutto è iniziato lo scorso settembre: la vittima si trovava a Fridhemsplan, piazza della capitale svedese, seduto al bar quando i tre immigrati sono passati di fronte a lui. L’uomo, che ha problemi mentali, ha richiamato la loro attenzione ed i tre hanno cominciato a discutere con lui.

Poi, uno degli immigrati ha convinto l’uomo a venire con loro, mostrandogli la loro pistola e convincendolo che gli avrebbero permesso di sparare qualche colpo. I tre hanno portato il disabile a Långholmen, una piccola isola al centro della città. Qui sono cominciate le torture, riprese anche dai cellulari degli aguzzini: pistola puntata contro, l’uomo è stato fatto denudare e picchiato con calci e pugni. Colpito alla testa col calcio della pistola, l’uomo è stato anche violentato con un bastone e quindi obbligato a nuotare da Långholmen fino a Kungsholmen, nelle acque gelide, senza poter uscire nonostante pregasse i tre aguzzini di smettere quelle sevizie nei suoi confronti. L’uomo, insanguinato e pieno di ferite, ha nuotato verso Riddarfjärden e si è presentato in un ristorante, dove è stato soccorso e portato in ospedale. Il caso ha fatto grande scalpore in Svezia per la crudeltà usata verso una persona che aveva palesi disturbi psichici.

Nonostante la gravità del fatto i tre criminali se la cavano con condanne estremamente lievi; i due 19enni hanno ricevuto rispettivamente una condanna a 1 anno e 4 mesi e ad 1 anno e 7 mesi per maltrattamenti e minacce.
Il 16enne invece è stato affidato ai servizi sociali. 

R.M.