Home Tempi Postmoderni Questa modella ha 30mila follower, riesci a vedere cosa nasconde?

Questa modella ha 30mila follower, riesci a vedere cosa nasconde?

Recentemente il profilo Instagram di una modella ha attirato l’attenzione degli utenti per la sua particolarità. Il profilo di cui stiamo parlando è quello di Shudu, una bella ragazza dalla pelle color ebano che sponsorizza attraverso post e foto alcuni dei prodotti più importanti dell’industria della moda e dell’estetica. A primo acchito si tratta dunque del solito profilo di una modella che cerca seguiti su Instagram, ma in realtà non è propriamente così: Shudu, infatti, non è altro che un immagine creata da un programmatore e modellata in 3D.

In un primo momento nessuno si era accorto che si trattasse di un’immagine in computer grafica ed alcuni utenti le avevano scritto dei complimenti sull’aspetto come: “Wow, non sembri nemmeno reale talmente sei perfetta” oppure: “Sei una Barbie in carne e ossa”. Non è passato molto tempo prima che qualcuno con l’occhio più allenato si è reso conto che non si trattava di una modella reale e lo facesse presente a tutti gli altri: “Questa è una bellissima fotografia ma è falsa” e aprisse al dubbio della liceità dell’utilizzo di una modella in computer grafica per pubblicizzare dei prodotti cosmetici: “Lei non è reale, potremmo vedere dei profili di modelle reali prima di questo, non usa nemmeno i vostri prodotti”.

In seguito a questo commento gli utenti si sono suddivisi su chi apprezza la creazione di un modello poligonale di tale perfezione e chi non trova giusto che venga utilizzato per le pubblicità di vestiario e cosmetici. La querelle è stata riportata in origine sul tabloid inglese ‘The Sun‘ al quale il creatore di Shudu, Cameron James, ha spiegato il perché della creazione del modello e del profilo social: “Si tratta semplicemente di un dipinto, un’illustrazione. La programmazione 3D è qualcosa che ho cominciato lo scorso anno e Shudu è il mio primo progetto. Credo sia importante dare maggior risalto alle modelle di colore. Avevo la possibilità di creare la donna più bella che potessi, e lei lo è. Non credo che le modelle in 3D sostituiranno quelle reali poiché senza le modelle reali Shudu non sarebbe esistita”.