Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Stava indagando su frodi governative: giornalista viene trovato morto (assieme alla fidanzata)

Stava indagando su frodi governative: giornalista viene trovato morto (assieme alla fidanzata)

Un giornalista, che stava indagando su presunte frodi fiscali che coinvolgono uomini d’affari legati al partito del governo slovacco, è stato trovato assassinato insieme alla sua fidanzata.

Ján Kuciak, 27 anni, e la sua fidanzata, Martina Kušnírová, sono stati trovati uccisi a colpi di arma da fuoco all’interno della casa in cui convivevano, dopo che i parenti preoccupati hanno allertato la polizia, dicendo che era più di una settimana che non avevano loro notizie.

Il più alto funzionario di polizia slovacco, Tibor Gašpar, ha detto ai giornalisti che gli omicidi “probabilmente hanno a che fare con le attività investigative di Kuciak“.

I due corpi sono stati ritrovati domenica sera nella città di Vel’ka Mača, ad est della capitale Bratislava. Gašpar ha detto che il reporter è stato colpito al petto e Kušnírová in testa. Ci sono indizi che inducono a pensare che Kušnírová abbia cercato di nascondersi dal suo assassino.

Il governo slovacco ha messo a disposizione un compenso di 1 milione di euro per chiunque dia informazioni sugli autori dei reati.

Il primo ministro, Robert Fico, ha affermato in una dichiarazione che se l’attacco fosse dimostrato legato all’opera del giornalista equivarrebbe ad un “attacco senza precedenti alla libertà di stampa e alla democrazia in Slovacchia“.

Questo episodio non può che fare tornare alla mente l’assassinio di Daphne Caruana Galizia, uccisa a Malta, presumibilmente dalla mafia che regola i movimenti di prostitute, droga, denaro e petrolio.

Anche Daphne stava indagando sul riciclaggio di denaro sporco di alcuni esponenti del governo azero nell’isola.

Mario Barba