Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

La legge proporzionale ‘ripesca’ Boldrini e Minniti e li fa tornare in parlamento

CONDIVIDI

La riassegnazione dei seggi in Parlamento con il proporzionale fa tornare a Montecitorio i nomi dei grandi sconfitti, coloro che hanno ricevuto una batosta più secca alle elezioni. Si tratta di Laura Boldrini, Debora Serracchiani, i ministri Minniti, Orlando, Martina, Luigi Bersani e Franceschini.

Finora i seggi ripartiti alla Camera sono 607 su un totale di 630 seggi. Alla Camera, che ha la maggioranza a 316, il Movimento 5 Stelle prende ben 221 seggi, superato solo dalla coalizione centro destra che ne ha 260. Solo 112 seggi al centrosinistra e comunque nessuno ha la maggioranza. Liberi e Uguali, rimasto senza nulla nell’uninominale, recupera 14 seggi.

Al Senato, finora sono 308 i seggi assegnati; la maggioranza, escludendo i senatori a vita, si ha con 158.
Centrodestra ottiene 135 seggi in totale, mentre M5S ha 112 seggi. Il Pd al Senato porta a casa 56 seggi. Quattro seggi a Liberi e Uguali.
Ora rimane il rebus delle coalizioni, dato che nessuno ha la maggioranza per governare. Possibile un governo M5S+PD, ora che Renzi – contrario agli ‘incuici’ – ha lasciato? O più probabile un governo di M5S+Centrodestra, o ancora il Governo al controdestra? Si vedrà dopo le consultazioni di Mattarella.

R.M.