Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

M5S e PD de-renzizzato al lavoro insieme per tagliare fuori la Lega? Ultime indiscrezioni

CONDIVIDI

Nonostante il Movimento Cinque Stelle, primo partito alle elezioni, non abbia ancora confermato nulla, le voci corrono sempre più forti: il M5S starebbe guardando a sinistra, ed in particolare all’acerrimo nemico (o a quello che sembrava tale) nel corso delle elezioni, vale a dire il Partito Democratico. Secondo le ultime indiscrezioni, Di Maio guarderebbe al PD (e viceversa) ma de-renzizzato, quindi senza la figura ingombrante del segretario del partito, che da sempre osteggia ogni possibile ‘inciucio’ con il M5S e sostiene che il PD debba rimanere all’opposizione, coerentemente anche con la batosta presa alle elezioni.

Ma secondo le ultime notizie, Di Maio avrebbe già predisposto una lista di dieci punti su temi come immigrazione, lavoro, sicurezza, da sottoporre genericamente ad altri partiti, una lista che permetterebbe ai penta stellati di capire quali partiti possano stare al loro fianco per arrivare al Governo, posto che non c’è maggioranza.
E c’è poco da dire: sono assai scarse le possibilità che il M5S si voglia alleare con la coalizione che ha ottenuto i maggiori voti, il centro destra, ed in particolare col partito che ha ottenuto più voti in assoluto nella coalizione, cioè la Lega di Salvini.

Del resto anche Beppe Grillo, con un approccio furbescamente relativista, negli scorsi giorni ha detto “La specie che sopravvive non è quella più forte, ma quella che si adatta meglio. Quindi noi siamo dentro democristiani, un po’ di destra, un po’ di sinistra e un po’ di centro, possiamo adattarci a qualsiasi cosa quindi vinceremo sempre noi sul clima, sull’ambiente, sulla terra”.
Lasciando intendere che il M5S è pronto, non avendo i numeri per governare da solo, ad una intesa. E dal canto del PD, c’è chi è disposto a tendere una mano al M5S. A patto però di liberarsi prima dell’ingombrante figura di Renzi, che di un’alleanza con il M5S non ne vuole sapere.
Rimane comunque anche l’incognita del ‘tradimento’ degli elettori che hanno votato M5S proprio per schiacciare il PD: come la prenderanno? I prossimi giorni sono fondamentali per capire quale sarà la strategia politica che i M5S assumeranno.

R.M.