Home Lifestyle Donna siciliana muore a 47 anni per cancro al seno: si era...

Donna siciliana muore a 47 anni per cancro al seno: si era affidato ad un naturopatia

“Ho seguito i consigli di un naturopata che conoscevo da anni ma che si è rivelato poi un lupo travestito da agnello. (definizione) sin troppo generosa per questo personaggio che praticava radioestesia, fiori di Bach, metodo Hamer e poi mi ha ridotta in fin di vita, dolorante, con problemi respiratori, debilitata e sottopeso di 10 chili. Sono precipitata da 42 a meno di 30 in qualche settimana”.

E’ un estratto della mail scritta da una donna di 47 anni, siciliana, morta dopo essersi affidata ad un naturoapta per guarire da un tumore al seno, al dottor Massimiliano Beretta, oncologo del Cro di Aviano (in provincia di Pordenone).

E’ stato proprio il medico a rendere pubblico lo sfogo della donna, giunto una volta che la donna aveva deciso di affidarsi ad uno specialista: purtroppo per lei, però, non c’era più niente da fare e a distanza di un anno il dottor Berretta ha deciso di rendere pubblica la mail, inviandola al quotidiano ‘Il Gazzettino’.

Affinché altri non cadano nello stesso errore.

Cos’è la Naturopatia?

Ci affidiamo ad un estratto di Wikipedia, rimandandovi alla definizione completa di Naturopatia: “La medicina naturopatica è un insieme di pratiche di medicina alternativa, i cui fondamenti teorici furono raccolti da principi salutistici di diversa provenienza. Essa dichiara di avere come obiettivo la stimolazione della capacità innata di autoguarigione o di ritorno all’equilibrio del corpo umano, denominata omeostasi, attraverso l’uso di tecniche e di rimedi di diversa natura, oppure attraverso l’adozione di stili di vita sani e in armonia con i “ritmi naturali”.

La medicina scientifica è critica riguardo alla medicina naturopatica, perché i mezzi utilizzati dalla medicina “alternativa” non sono fondati scientificamente, si basano su costrutti teorici non dimostrati; inoltre, i suoi presunti risultati clinici non reggono solitamente alla verifica clinica in studi controllati, e molti dei suoi esponenti usano in maniera fuorviante e suggestiva termini scientifici che hanno in realtà significati molto diversi”