Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca Napoli: muore bimba di 7 mesi in ospedale colpita da meningite

Napoli: muore bimba di 7 mesi in ospedale colpita da meningite

 

 

Caso di meningite a Napoli, nell’ospedale Cotugno. A perdere la vita una piccola di 7 mesi.

Una storia triste di chi si è appena affacciato alla vita.

Questo è l’ennesimo caso di infezione da meningococco, il batterio killer che si è fatto largo in Campania, dall’inizio dell’anno, la quinta vittima sulle 11 infezioni finora contate nel 2018. Il tutto è avvenuto in poche ore.

Nella mattinata, la piccola è arrivata in  codice rosso al nosocomio di Nola. Sul suo corpicino,  le  petecchie, le classiche macchie emorragiche, che segnalano l’avvio di un processo di sepsi, ossia di diffusione del batterio nel sangue, da cui parte il completo sovvertimento dei parametri coagulativi e che fa da innesco alla progressiva insufficienza di tutti gli organi.

“Un processo, scrive il mattino attraverso le sue pagine online -difficilissimo da contrastare sul piano clinico e che col passare delle ore diventa purtroppo irreversibile e mortale nella maggior parte dei casi. Parliamo della famigerata Cid (Coagulazione intravasale disseminata) che è una delle possibili manifestazioni cliniche dell’infezione da Neisseria della meningite. All’ospedale di Nola, dopo i primi esami e di fronte al sospetto sempre più evidente che si trattasse di un caso di meningite, la neonata è stata trasferita d’urgenza all’ospedale Santobono di Napoli”

Nel pomeriggio, la piccola, è arrivata al pronto soccorso del Cotugno. E’ stata subito  intubata le sono stati praticati i prelievi e i tamponi. Dal sangue, con tecnica Pcr di amplificazione genica, nell’arco di poche ore, intorno alle 18, è giunta la diagnosi. Si trattava certamente di infezione da meningococco.

“Sin dai primi istanti – chiude il mattino.it –  la piccola era stata sottoposta alla Tac e agli altri esami che hanno escluso la diffusione del batterio al cervello. Si è dunque configurato il tipico quadro di meningite, evoluta però con una sepsi, una delle manifestazioni cliniche dell’infezione. Malattia rara ma pericolosa come un serpente velenoso e che in questo sfortunato caso, nonostante l’applicazione del collaudato protocollo messo in atto al Cotugno, ha avuto il peggiore degli esisti. Nella serata di ieri è insorto l’arresto cardiaco, avvenuto attorno alle 20. “