Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

“Lʼavevano già aggredita”: la clamorosa rivelazione sulla povera Miriam

CONDIVIDI

La Babygang di bulle l’aveva già aggredita. La povera Miriam era già stata attaccata prima di essere picchiata e portata alla morte lo scorso 28 febbraio. A denunciarlo al microfono delle Iene è Nasreen, la madre di Mariam Moustafa, che aggiunge: “Allora a Mariam avevano rotto una gamba. E avevano anche riempito di pugni sua sorella Mallak, di 15 anni”. La Procura di Roma ha aperto un’inchiesta in cui si ipotizza l’omicidio.
“Una sera di una settimana fa – dice ancora la donna – hanno anche tirato delle uova contro la nostra porta di casa”.
“Dopo l’aggressione sul bus – ricorda la mamma – Mariam è andata in ospedale a Nottingham, dove dopo diverse ore di attesa le hanno detto che poteva tornare a casa. Alle 2.30 siamo rientrati e lei è andata a dormire. Al mattino la sorella l’ha trovata boccheggiante sul letto, completamente blu in volto. Non riusciva a parlare”.
Mariam si era trasferita nel Regno Unito con la famiglia da quattro anni. Il padre voleva farla studiare assieme alla sorella di 15 anni e al fratello di 12 nelle scuole inglesi. “Ma lei – sottolinea la madre di Mariam – non voleva restare in Inghilterra, ha sempre sognato di tornare a Roma”.