Home Spettacolo Gossip

Dopo la bufera a ‘Ballando con le Stelle’, Zazzaroni risponde alle accuse

CONDIVIDI

Tiene ancora banco la querelle legata al mancato giudizio di Ivan Zazzaroni sul ballo della coppia Ciacci-Todaro. Subito dopo il programma, infatti, tutto il web si è scagliato contro il giudice accusandolo di omofobia. Sin dal primo momento Zazzaroni si è infastidito per le accuse ricevute ed ha tweettato: “Pretendi giustamente tolleranza, rispetto, sensibilità e per una cosa che non ho mai detto, né pensato, e che non appartiene al mio modo di essere, l’omofobia, mi aggredisci verbalmente con una violenza e una maleducazione inaudite. E non chiederai scusa. Buona giornata comunque”.

Nonostante il giornalista abbia più volte ribadito che il suo giudizio non è legato ad una presunta omofobia, in molti continuano a sostenere che le sue siano semplicemente scuse. Ad esempio Monica Cirinnà, ha scritto riguardo a quanto successo che: “La serata su Raiuno non può essere teatrino omofobo con presunta polemica estetica per ballo samesex”. Stanco delle accuse l’ex direttore del ‘Guerin Sportivo‘ ha spiegato la sua posizione dicendo: “Tirare in ballo il mio nome e legarlo alla parola omofobia è una follia. L’ omofobia è un reato, un insulto alla ragione, alla natura, il fatto che qualcuno abbia detto o pensato che dietro il mio giudizio sulla danza che hanno fatto a Ballando con le stelle Ciacci e Todaro e pensare che il mio giudizio potesse essere giustificato a una mia ipotetica omofobia mi fa girare veramente i coglioni”.

D’altronde lo scorso anno la coppia samesex aveva visto come protagonista Platinette e Zazzaroni non si era mai espresso contro la scelta, il perché lo ha spiegato lo stesso giornalista in un’intervista rilasciata a ‘Libero Quotidiano‘: “In quel caso Platinette ballava davvero in coppia. E con Todaro erano uniti, stretti. E Platinette ricopriva il ruolo femminile”.