Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Facebook e il caso ‘Cambdrige Analytica’: si studia un nuovo social per...

Facebook e il caso ‘Cambdrige Analytica’: si studia un nuovo social per rimpiazzarlo?

social facebook sostituto
La rivolta contro Facebook

Facebook, insieme al suo fondatore Mark Zukerberg, è al centro del grosso scandalo che ha travolto il colosso social all’interno dell’inchiesta ‘Cambridge Analytica”, del quale abbiamo parlato in questo articolo. Questo ha causato la perdita in pochi giorni del 10% del suo valore in borsa, provocando una perdita di circa 50 miliardi di euro. L’accusa rivolta a Zuckerberg, il quale è già stato invitato dal Parlamento britannico a testimoniare sul caso, è quella di aver ceduto i dati di 50 milioni di profili che sarebbero stati utilizzati per favorire la campagna elettorale di Trump.

Un altro punto a sfavore del social di Zuckerberg è stato sicuramente la viralizzazione di fake news al suo interno che ha portato lo stesso Zuckerberg ad una decisione “controproducente”: attraverso un algoritmo, Facebook penalizzava le pagine pubblicitarie in favore dei post degli amici; ciò ha comportato un’immediata perdita del 4% del suo valore in borsa. Alcuni sostengono possa essere stata una mossa “politica” per evitare la circolazione di notizie “scomode” all’interno del social, senza però presentarla come una censura vera e propria.

Un nuovo social che sostituirà Facebook

Jason Calacanis, imprenditore e blogger statunitense, è stato da sempre in forte contrasto con l’amministrazione di Facebook da parte di Zuckerberg e adesso prende la palla al balzo per lanciare un guanto di sfida al milionario. Calacanis ha infatti deciso di dare il via ad una sorta di concorso che ha come finalità quella di creareun social globale concorrente che rispetta la privacy e non traffica dati”.

Facebook è una forza distruttrice nella nostra società. Noi investiamo 100mila dollari per aiutarti a costruire qualcosa di meglio”, queste le parole utilizzate dal blogger statunitense per invogliare le persone a partecipare alla sfida, per nulla semplice, di creare un sostituto di Facebook.

Il progetto conterà 7 team che avranno 12 settimane e 100.000 dollari per creare una startup che sia funzionale come Facebook ma che sia molto più trasparente riguardo alla privacy. Il bando è aperto e le 7 squadre inizieranno i lavori a metà Luglio, in California; unico requisito richiesto: “saper fare”.

Per chiunque voglia, invece, cancellarsi da Facebook in questa guida spieghiamo nel dettaglio tutti i passaggi da effettuare.

Mario Barba