Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca “Sono nazista, sono di Forza Nuova, vi ammazzo”: le minacce del dirigente...

“Sono nazista, sono di Forza Nuova, vi ammazzo”: le minacce del dirigente ai dipendenti di colore – VIDEO

I dipendenti stranieri subivano violenze di ogni tipo

Un gruppo di lavoratori stranieri facenti parte della Reggiani Visual, azienda veronese, ha deciso di raccogliere testimonianze dei maltrattamenti subiti da parte di due dirigenti per protestare e reclamare il proprio diritto di essere trattati come esseri umani. La denuncia dei lavoratori è stata seguita in diretta dal ‘Tg3‘, dove, in un servizio sulla vicenda, viene trasmesso parte di un audio incriminante in cui uno dei due dirigenti denunciati per maltrattamento minacciava in questo modo l’impiegato: “Io sono di Forza Nuova, nazista e razzista … io non ho paura, io uccido. Shan è il primo in lista”.

Questo è solo uno degli audio trasmessi dai dipendenti durante una manifestazione tenutasi di fronte l’ingresso dell’azienda il 19 marzo scorso. A scatenare la protesta dei dipendenti è stato un episodio recente, uno dei dipendenti ha denunciato alle forze dell’ordine i superiori dopo essere stato picchiato e minacciato di morte: questi avevano provato ad intimidirlo per farlo licenziare ma quando si sono accorti che le semplici intimidazioni non funzionavano sono passati alle maniere violente.

La dura accusa del dipendente e la risposta dell’azienda

Nel corso del servizio di cui sopra lo stesso dipendente autore della denuncia, Gamini Pryhanta Mataranta, ha rilasciato la sua testimonianza: “Sono entrati completamente ubriachi dentro l’azienda ed hanno cominciato a picchiarmi. Dopo mi hanno detto che dovevo licenziarmi, altrimenti mi avrebbero ucciso”. L’azienda al momento non ha voluto rilasciare dichiarazioni a riguardo, il titolare, Leonardo Reggiani, ai microfoni del Tg3 ha dichiarato: “Ci stiamo consultando con i nostri consulenti legali, al momento non capiamo cosa sia successo quindi non sappiamo cosa dire”.