Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Uccise la fidanzata con un guinzaglio per cani. Dopo anni la sbeffeggia in un video

CONDIVIDI

guinzaglio donna uccisa
Si fa beffe della fidanzata uccisa anni prima

Un uomo che ha picchiato a morte la sua compagna con un guinzaglio per cani è apparso in un video davvero scioccante mentre scherza sull’omicidio insieme alla sua nuova fidanzata. David Craigie ha ottenuto sei anni di prigione nel 2008 dopo aver assassinato Sonya Todd, 21 anni, costretta a 5 ore di pestaggio all’interno della loro casa di Methil, nell’area amministrativa di Fife, in Scozia.

L’accusa di omicidio è stata successivamente ridotta a omicidio colposo perché il diabete di Sonya è risultato essere un fattore importante nella morte della giovane. Craigie, 33 anni, ha ora condiviso un vile video in cui lui e un’amica sconosciuta si prendono gioco della morte di Sonya. In un vergognoso riferimento all’omicidio, l’assassino si fa beffe della vittima insieme alla sua nuova ragazza, che viene indicata come Amanda.

Nel primo video Craigie, che ora sembra viva a Dunfermline, siede accanto all’amica mentre altri ridono sullo sfondo. Parlando di Amanda, e si sente il 33enne dire spudoratamente che la vittima “è stata tenuta al guinzaglio” prima di coprirsi la bocca mentre si possono sentire altre persone ridere in sottofondo.

“Ecco un guinzaglio per cani, soffocami”

La donna poi aggiunge: “Sì, è così, l’abbiamo maltrattata. David l’ha picchiata. L’abbiamo uccisa”.

Un altro video mostra la donna con un guinzaglio di cane al collo. “Ecco un guinzaglio per cani – dice la nuova fidanzata di Craigie – Sono fregata“. Craigie e gli altri membri del gruppo scoppiano a ridere quando aggiunge: “Soffocami, soffocami, soffocami”.

Craigie al momento dell’omicidio aveva 24 anni. Accusò Sonya, che aveva una figlia di sei anni, di averlo tradito. Tra le ferite inferte alla giovane c’erano segni causati da una catena per cani che utilizzava per il suo Rottweiler. Sul web gli utenti si snono scatenati contro il 33enne, definendolo “una persona orribile”.