Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca Stroncata dalla malattia a soli 15 anni: addio ad Anna, ha lottato...

Stroncata dalla malattia a soli 15 anni: addio ad Anna, ha lottato fino alla fine

Stroncata dalla leucemia a soli 15 anni: addio ad Anna, ha lottato fino alla fine
Anna Oppolo, la 15enne deceduta dopo la malattia

Addio ad Anna, 15 anni: aveva lottato per vivere 

Anna alla fine non ce l’ha fatta. La 15enne malata di Leucemia che aveva commosso Napoli è morta in ospedale dopo la lotta contro la malattia.
La giovane napoletana Anna Oppolo, del rione Sanità, è deceduta all’ospedale Pausilipon di Napoli dopo una lunga malattia lasciando nella sofferenza tutta la sua famiglia ed un intero quartiere della città partenopea, nel quale era molto conosciuta e amata. La giovane da alcuni mesi era malata di una rara forma di leucemia e poi aveva contratto un’infezione pericolosa.

Il tam tam per procurarle il farmaco salvavita 

La giovane aveva contratto una brutta infezione e per procurarle un farmaco introvabile in Italia si era mobilitata una intera comunità: anche chi non la conosceva aveva fatto di tutto per cercarle il farmaco salvavita che però – seppure fosse stato reperito – non è bastato a salvare la piccola Anna.
La giovane aveva bisogno del farmaco perché aveva contratto un’infezione molto pericolosa per le sue condizioni deboli. Tuttavia la somministrazione del farmaco comunque non l’ha salvata.
La giovane è deceduta alle 20 di sera del 23 marzo dopo alcuni giorni di coma farmacologico.

Le critiche del cugino: “Ospedale inadeguato”

Il cugino della giovane Anna non ha taciuto alcune critiche secondo lui dovute all’ospedale dove la 15enne era ricoverata.
“L’ospedale Pausilipon non ha saputo gestire il suo male, invece lei è stata una vera leonessa” ha detto ai giornalisti Raffaele Scotto, il cugino della 15enne. “Mi assumo tutte le responsabilità della dichiarazione. Nell’ospedale sapevano che il batterio c’era dal secondo ciclo di chemio terapia ma non hanno fatto nulla per combatterlo”.