Home Notizie di Calcio e Calciatori

Lutto in casa Inter: se ne va Pierluigi Casiraghi, nel club dal 2000 (e con tante “scoperte” alle spalle)

CONDIVIDI

Ha scoperto talenti del calibro di Mario Balotelli e di Goran Pandev. E’ stato una figura fondamentale all’interno dello staff dell’Inter. Parliamo di Pierluigi Casiraghi, capo degli osservatori dell’Inter, morto ieri all’età di 77 anni (dopo 18 annni di ‘militanza’ in nerazzurro: ricordiamo infatti come fosse entrato nel club nel 2000. Da allora tante scoperte, come le succitate, ma anche qualche rimpianto – come l’aver scartato Paul Pogba, in quanto ritenuto troppo lento).

Questo il ricordo commosso della società nerazzurra, diramato attraverso un comunicato pubblicato sul sito ufficiale del club:

“Pierluigi Casiraghi c’era sempre, quando non era in giro per il mondo a scovare talenti.

Nei trofei del Settore Giovanile del terzo millennio c’è molto del suo, capace com’era di riconoscere un giocatore di talento in mezzo a mille, ma prima di tutto è stato un faro, una guida, un’ispirazione per chi lavorava in un club che centodieci anni fa è stato fondato da uomini come lui, operosi, orgogliosi e aperti al mondo.

Aveva un aneddoto per tutti, una storia, una parola. Brianzolo, orgoglioso del suo lavoro, lo difendeva sempre fino in fondo. Era un sommelier del talento, osservatore per vocazione prima ancora che per professione: arrivava fino ai campi più scomodi, di confine, li preferiva alla comodità degli alberghi di lusso e dei grandi tornei. Perché lì poteva capitare di trovare un Goran Pandev, un Jonathan Biabiany, un ragazzo visto magari per caso che sarebbe poi diventato un pezzo di storia dell’Inter.

“Devo vedere una scintilla”, chiosava. “Qualcosa che me ne faccia innamorare calcisticamente. Resisto alla tentazione di rivederli una seconda volta in azione, rischierei di notarne i difetti”.

Alcuni diventavano campioni, altri si perdevano per strada, non sai mai cosa può succedere a un ragazzo giovane, ma lui non li mollava in nessun caso. Teneva i contatti, se li portava a cena, li aiutava a capire il calcio italiano dentro e fuori dal campo, condendo magari la conversazione con qualche battuta in dialetto milanese, da uomo di calcio, di spirito, di cuore.

Ciao Casi, ci farà effetto girarci e non vederti lì, al Centro Facchetti, a bordo campo, coi jeans, la polo, gli occhiali da sole, a vedere come si comportano in allenamento i tuoi ragazzi, con una storia da raccontare a tutti, dirigenti o giardinieri, calciatori o impiegati”.

Queste, a sua volta, le parole di Piero Ausilio, direttore sportivo dell’Inter che lavorò a fianco di Casiraghi anche alla Pro Sesto: “Ciao Casi, tu per me sei stato come un padre, il mio padre calcistico e non solo. Non dimenticherò mai i tuoi insegnamenti e tutto quello che hai donato, a me e all’Inter. Sarai sempre con noi, riposa in pace”.