Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Ritrovato un altro felino privo di testa: il killer di gatti ha...

Ritrovato un altro felino privo di testa: il killer di gatti ha colpito ancora

Un altro cadavere di gatto– decapitato- è stato rinvenuto nel giardino dell’abitazione di un uomo. La morte del felino segue quella di altri suoi simili, anch’essi uccisi da un killer di gatti che per ora rimane d’identità ignota. Le strane uccisioni sono avvenute in territorio inglese dalla fine del 2015 ad oggi.

Il ritrovamento del gatto senza testa nel giardino di un uomo

Il macabro ritrovamento è avvenuto nella casa di Usman Hussain, domiciliato a Woking (Surrey). L’uomo si stava preparando per fare colazione quando ha fatto la scioccante scoperta nel giardino che da sul retro della sua abitazione. Hussain, operatore IT di 36 anni, ha notato il gatto e ha pensato che lo avrebbe seppellito in un momento successivo. È stato un suo collega ad informarlo del fatto che ci sarebbe un killer di gatti in circolazione nel Regno Unito. Così, Usman Hussain ha allertato le forze dell’ordine. Sul felino morto in casa di Hussain, però, la polizia del Surrey è stata cauta; nonostante le ferite sembrino compatibili con quelle riscontrate negli altri casi, gli inquirenti si sono detti non sicuri che si tratti dello stesso killer.

I precedenti: tre anni di terrore

I numeri collezionati da questo misterioso killer di gatti sono impressionanti: circa 400 gatti uccisi mutilati nel sud dell’Inghilterra da tre anni a questa parte. Scotland Yard ha sguinzagliato una squadra composta da ben 15 investigatori con l’intento di catturarlo. Il modus operandi del killer è sempre lo stesso; dopo aver attirato il gatto attraverso dei bocconi di cibo (nello stomaco dei  cadaveri dei gatti esaminati dai medici veterinari sono state trovate tracce di pollo, il felino viene ucciso- presumibilmente il killer lo sbatte al muro– e mutilato di testa, zampe e coda. L’allerta è massima, soprattutto per i possessori di gatti: in molti, in seguito a questi eventi, hanno deciso di tenerli in casa il più possibile.

Maria Mento