Home Tempi Postmoderni Tech & Web

Arriva la moto-drone che può essere guidata senza licenza

CONDIVIDI
hypersurf
hypersurf

E’ un ibrido tra un drone ed una moto da corsa. Si chiama Scorpion-3 e potrebbe rivoluzionare il modo di viaggiare: l’idea è della società russa Hoversurf, che si occupa di costruire droni e che ha voluto fare il grande passo dando forma ad una sorta di moto volante per certi versi accomunabile all’hoverboard, pedana elettrica con ruote in grado di volare sollevandosi da terra ed atterrando, in maniera analoga a quello che fanno i droni.

Le caratteristiche di Hoverbike Scorpion-3

Scorpion-3 è una monoposto ed il suo nome tecnico è hoverbike’: il design è molto simile a quello di una motocicletta anche se in tanti hanno notato una serie di riferimenti estetici alle moto volanti di Star Wars. Il valore aggiunto è legato al fatto che può essere pilotata in volo proprio come se ci si trovasse in sella ad una bicicletta; per librarsi in aria si sfruttano quattro eliche installate ai lati dell’hoverbike mentre con due manubri simili a joystick è possibile comandare il mezzo agevolmente, facendolo ‘decollare’, ma anche ruotare e, ovviamente, atterrare. Può toccare una velocità massima di 43 miglia orarie, con un’autonomia di 25 minuti in volo, anche se la società sta cercando di aumentarla. Inoltre è dotato di un particolare meccanismo di sicurezza che permette di limitare sia l’altitudine che la velocità del mezzo, per evitare incidenti.

Scorpion-3, non solo per professionisti

La particolarità di Scorpion-3 è legata al fatto che in alcuni paesi, tra cui gli Stati Uniti, non occorre alcuna licenza per guidarlo, e questo potrebbe ben presto aprire le porte ad una sua rapida diffusione, rivoluzionando di fatto il modo di compiere i propri spostamenti. Alcuni video dimostrativi diffusi sul web mostrano Quando entrerà in commercio? secondo quanto dichiarato da Huversurf, tra 6 e 18 mesi. Potrà essere utilizzato, indossando i necessari dispositivi di protezione, non solo dai professionisti ma anche dai dilettanti.

Daniele Orlandi