Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Lo zio di Pamela, avvocato, scrive ai suoi aguzzini: “Non vi darò scampo. Vi farò marcire in galera” 

CONDIVIDI
Marco Valerio Verni
Lo zio di Pamela, Marco Valerio Verni.

Zio di Pamela: “Preparatevi a marcire in galera”

Nonostante la storia tragica di Pamela Mastropietro, la 18enne uccisa a coltellate e botte in testa e quindi fatta a pezzi a Macerata, abbia abbandonato da qualche giorno i giornali, c’è chi non dimentica e c’è chi chiede giustizia. Come lo zio di Pamela, un noto avvocato, di nome Marco Valerio Verni.
L’uomo ha affidato al social network per eccellenza un suo sfogo/promessa nei confronti dei tre nigeriani che ad oggi sono accusati di aver ammazzato Pamela e che ancora non vogliono spiegare cosa successe davvero quel giorno: Innocent Oseghale, Desmond Lucky e Awelima Lucky.
A loro Verni rivolge parole cariche di rabbia e di dolore, e promesse di giustizia.

Il post di Verni: “Marcirete in gelare”

Ecco il post dell’avvocato così come pubblicato su Facebook.

Sono Avvocato, e sono Consigliere delle Forze Armate. Mi sono formato con loro, ai massimi livelli, ed oggi ho spesso il privilegio di formare io loro, per quel di mia competenza.
Le nostre forze di Polizia, se vogliono,sono tra le migliori al mondo, per cui dico, agli ominidi sottosviluppati (chi massacra in quel modo e riduce a brandelli una ragazza di 18 anni può ritenersi normale, forse?) che hanno barbaramente ucciso mia nipote Pamela, chiunque sia stato: potete cambiare più e più volte, in maniera ridicola, la vostra versione dei fatti (che io, passo passo, vi smonterò in tribunale), potrete trovare l’appoggio ipocritamente compassionevole di qualche politicante di turno, magari potrete anche pensare di farla franca, ipotizzando di prendervi gioco dello Stato italiano.
Ma ricordate: “Non esistono delitti perfetti, ma solo investigatori distratti”.
Io non vi lascerò tregua. Con me lo staff del mio studio. Accanto agli inquirenti.
E l’Italia tutta.
Preparatevi a marcire nelle nostre patrie galere”.