Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

E’ tutta il padre: la figlia d’arte fa impazzire il web con una canzone

CONDIVIDI

La prima canzone della figlia di Kurt Cobain

figlia cobainLa giovane Frances Bean, figlia di Kurt Cobain e Courtney Love, ha sempre mantenuto un profilo basso, nonostante non debba essere stato per nulla facile crescere come l’unica figlia di una delle figure più amate della musica “grunge” anni ‘90.

Oggi, 5 aprile, ricorre l’anniversario della morte di Kurt Cobain e la ormai 26enne figlia ha deciso di pubblicare una canzone scritta da lei sul suo profilo Instagram.

Insieme al video, la giovane figlia d’arte, ha scritto queste parole: “A- ci sono molti momenti meme in questa clip B- sono super agitata perché non posso suonare la chitarra con le unghie lunghe, sono seduta nella mia stanza da sola cantando per me stessa C- non avere una televisione in casa è stata una gran decisione perché mi costringe a occupare il tempo con cose che alimentano il mio cervello e la mia anima invece che sprecare energie nel pensare di non pensare”.

Le parole della canzone

Rispondendo ad uno dei fan nella sezione dei commenti, Frances ha scritto le parole della sua nuova e prima canzone:

I think I saw you when I was small
I think I found you, a penny for your good thoughts
I think I found you, Jesus hangs in your place on the cross

All these hinges become unscrewed
Heaven knows it was a cage on earth
No one asks her why she hides in a basket in her house in a box
Find a fiend who reigns supreme in May
Fast enough for blooming buds to lay their egg.”

Il ricordo del padre

kurt-cobain

Kurt Donald Cobain è morto il 5 aprile del 1994 in condizioni ancora oggi ritenute, da alcuni, misteriose.

Dopo il grande successo con i Nirvana, la vita privata di Kurt iniziò velocemente a scomporsi, con la depressione e l’abuso di eroina che ormai era diventata l’unica cosa che riuscisse ad allontanarlo dalla pressione dei media e dai suoi problemi di salute.

Eroina che poi è stata trovata in dosi molto elevate durante l’autopsia, la quale ha decretato che la morte è stata causata da un “colpo di fucile autoinflitto”.