Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca Giada, studentessa universitaria di 26 anni, si getta dal tetto durante la...

Giada, studentessa universitaria di 26 anni, si getta dal tetto durante la seduta di laurea. Il motivo è terribile

Giada, studentessa universitaria di 26 anni, si getta dal tetto. Il motivo è terribile
La giovane vittima, Giada, 26 anni

Dice ai genitori che si laurea ma le mancano diversi esami: studentessa suicida

Tragedia a Napoli, all’università Federico II. Ieri una studentessa di 26 anni di nome Giada De Filippo si è gettata dal tetto della facoltà dell’università nel corso della seduta di laurea.
La giovane aveva detto ai genitori e parenti che si sarebbe laureata quel giorno ed aveva invitato tutti per quell’occasione. Quello che i genitori ed i parenti di Giada non sapevano è che la ragazza non era in regola con gli esami, gliene mancava ancora qualcuno, e quindi il suo nome non era nella lista di coloro che avrebbero presentato la tesi. Ma questo Giada ai suoi genitori, forse per la vergogna, non era riuscita a dirlo.

L’ultima chiamata al fidanzato e il salto nel vuoto

Mentre tutti, in giacca o tailleur, attendevano il turno per la discussione della tesi, Giada, originaria di Sesto Campano, è salita sul tetto dell’edificio e si è lanciata nel vuoto. Il terribile gesto è avvenuto di fronte agli occhi del suo ragazzo che ha chiamato prima di gettarsi.
La giovane è stata rinvenuta ormai senza vita, nessun soccorso è stato utile.

Forse la mancata laurea alla base del gesto

Gli investigatori stanno cercando di capire le ragioni dietro il suicidio. Ma ormai i contorni della sua morte sembrano delinearsi: il nome di Giada non compariva fra quelli degli studenti che quel giorno si sarebbero laureati. Proprio questa bugia, che Giada non è riuscita a superare spiegando la realtà ai genitori, sarebbe alla base del tragico gesto.
Le lezioni all’università sono state sospese. Sono state rinviate le Elezioni universitarie previste per oggi e mercoledì 11 aprile.
Il sindaco, che conosceva Giada, la ricorda come una ragazza “sempre sorridente, dolce e bellissima” e sostiene che nessuno avrebbe mai potuto immaginare il gesto.