Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

“Con chi altro potrei fare la tro*a?”: l’incredibile messaggio dell’insegnante all’alunno

CONDIVIDI

insegnante lowe”Con chi altro potrei fare la tro*a?”

Un’insegnante, accusata di avere rapporti sessuali con un alunno, gli ha mandato un biglietto con su scritto: “Con chi altro potrei fare la tro*a?”.

Il tribunale di ‘Minshull Street’ ha dichiarato che Deborah Lowe, 53 anni, ha inviato il biglietto al 15enne quando quest’ultimo l’aveva bloccata sui social media, dopo aver fatto sesso con lui in casa sua. La madre del ragazzo, scoperto il biglietto, ha chiamato la polizia.

Il biglietto in questione raffigurava una donna a faccia in giù sull’erba con una gonna molto corta che faceva vedere chiaramente le sue mutandine; l’insegnante, che era responsabile della cura pastorale nella scuola del ragazzo, gli inviò il biglietto per il giorno del suo compleanno con su scritto: “Questa sono io dopo aver scoperto che mi hai bloccato!”.

Il contenuto del biglietto

All’interno di questa sorta di cartolina la donna aveva aggiunto: “Sono messa male. Mi hai bloccato e non so cosa ho fatto. Con chi altro potrei fare la tro*a? Non ti avrei mai e poi mai ferito in alcun modo. Quindi ti prego dimmi cosa ho fatto. È il mio vecchio culo grasso?! È il mio compleanno e sono così triste.”

Lowe, che ha lavorato anche per il ‘Manchester City FC’ come assistente di gara, ha firmato: “Mi manchi da morire, ama la tua tro*a”.

L’insegnante è anche accusata di aver fatto ‘sesso telefonico’ con il ragazzo, di cui non si può conoscere l’identità per motivi legali, di averlo masturbato e di aver fatto sesso con lui in una seconda occasione a casa sua.

deborah lowe
L’accusa

Nonostante il ragazzo avesse già 16 anni e poteva legalmente avere rapporti sessuali, il procuratore ha dichiarato che la prima volta è successa quando il ragazzo aveva ancora 15 anni e, anche se non fosse stato “costretto”, il ragazzo era troppo giovane per il consenso.

La Lowe ha infranto la legge perché era un’insegnante e in una posizione di fiducia nei confronti del ragazzo.

Mario Barba