Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Finge di avere un cancro per rubare 41mila dollari ai genitori e...

Finge di avere un cancro per rubare 41mila dollari ai genitori e fare la bella vita: ecco la punizione per la 21enne

Finge di avere un cancro per rubare 41mila dollari ai genitori e fare la bella vita: 21enne nei guai  
Foto di Hanna Dickenson, la ragazza protagonista dell’assurda storia

Fingeva il cancro, usava i soldi per divertirsi 

Aveva finto per anni di essere malata e di aver il cancro, la peggiore fra le malattie. Tutto solamente per riuscire a spillare dei soldi ai suoi genitori i quali, pur non essendo ricchi, sarebbero stati disposti ad indebitarsi per aiutare loro figlia.
Hanna Dickenson, una ragazza australiana, cominciò quando aveva solo 19 anni a mentire ai genitori ed agli amici e conoscenti, fingendo di essere malata e di necessitare di soldi per cure, chemio e tac.
Ma tutti quei soldi che aveva rubato, in realtà, li accumulava per andare a divertirsi, comprarsi vestiti e droga, e per fare feste e vacanze. Intanto la madre ed il padre continuavano ad indebitarsi sempre di più per pagarle le cure.

Ecco come è stata scoperta 

La vicenda assurda, avvenuta in Australia, è durata diversi anni. Hanna Dickenson è riuscita ad accumulare in tutto 41mila dollari che provenivano dai genitori e dagli amici e conoscenti, e sperperarli tutti in alcol, droga, divertimenti e shopping. Senza che nessuno si accorgesse di nulla. Mentre i genitori chiedevano soldi ad amici e banche per riuscire a stare al passo delle richieste della figlia, lei stava benissimo e usava tutto quel denaro per divertirsi.

Il trucco però è stato scoperto da una coppia di vicini di casa della ragazza che avevano anch’essi contributo alle cure della giovane. Infatti la coppia aveva notato che la 21enne aveva sui social solo foto di feste e giri per il mondo, e si vedeva benissimo che non era sofferente o malata. Così i vicini l’hanno denunciata alla polizia. La 21enne è stata condannata da un tribunale locale dell’Australia. Ora deve passare tre mesi in carcere e fare 150 ore di servizio sociale, oltre che andare in comunità per problemi di droga.