Raid in Siria, il duro tweet di Salvini: “Pazzesco, fermatevi!”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:04

salvini siria Raid in Siria, le reazioni anche in Italia

Non sono tardate ad arrivare le reazioni di tutto il mondo ai raid sulla Siria portati avanti dall’alleanza USA – Gran Bretagna – Francia. La risposta più dura è arrivata dalla Russia, che ha garantito che le bombe su Damasco comporteranno “conseguenze”.

Ma anche il mondo politico italiano è intervenuto sulle tensioni internazionali diventate ormai pesantissime. Alle 10:30 ha parlato il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, che ha confermato la non partecipazione dell’Italia all’attacco. “Il supporto logistico che forniamo agli Stati Uniti, in questo caso particolare, abbiamo insistito e chiarito che non poteva in alcun modo tradursi nel fatto che dal territorio italiano partissero azioni direttamente mirate a colpire la Siria”.

Salvini: “Stiamo ancora cercando le armi chimiche di Saddam”

Molto più marcato il tweet del leader della Lega, Matteo Salvini: “Stanno ancora cercando le ‘armi chimiche’ di Saddam, stiamo ancora pagando per la folle guerra in Libia, e qualcuno col grilletto facile insiste coi ‘missili intelligenti’, aiutando per altro i terroristi islamici quasi sconfitti. Pazzesco, fermatevi”.

Posizione che non è piaciuta a Silvio Berlusconi, che ha invece detto che in questi casi “è meglio tacere”. Una prova ulteriore di come i rapporti nel centrodestra siano tutt’altro che buoni e di come sarà difficoltoso trovare una maggioranza parlamentare che possa formare un governo. Un governo che però, vista la situazione, diventa più che mai urgente.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!