Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca Si schianta contro un albero, Danilo muore così a 24 anni

Si schianta contro un albero, Danilo muore così a 24 anni

Danilo Biagi morto in un incidente stradale

Danilo Biagi, giovane operaio di soli 24 anni, ha perso tragicamente la vita in un incidente stradale avvenuto nella mattinata di ieri- domenica 15- sulla strada provinciale fogliense che conduce a Lunano (Marche). Insieme a lui, in macchina, un altro passeggero che adesso rischia la vita.

Il drammatico incidente forse causato da un colpo di sonno?

Danilo Biagi ed un altro suo amico, Patryk Niedzielski, stavano rientrando alle loro case dopo un sabato sera passato a Pesaro. Le dinamiche dell’incidente non sono ancora chiare, ma è possibile che questo incidente sia avvenuto a causa di un colpo di sonno o di un momento di distrazione che è stato fatale. Si è trattato di un incidente autonomo: la macchina è uscita fuoristrada all’imbocco di una curva. Sfortunatamente, la vettura su cui viaggiavano Biagi e Niedzielski è andata a sbattere contro il tronco di un pino marittimo. Sul luogo sono intervenuti i soccorsi e i Vigili del Fuoco che hanno dovuto estrarre i due giovani dalle lamiere della vettura. Danilo Biagi è morto, mentre Patryk Niedzielski è ancora vivo ma sta lottando contro le gravi condizioni in cui versa. È ricoverato all’Ospedale di Torrette.

Lo shock degli abitanti di Lunano

Tutti i compaesani di Danilo Biagi, appresa la triste notizia, sono caduti nello sconforto più totale. Si tratta di un piccolo comune dove più o meno tutti si conoscono almeno di vista, dal momento che Lunano (sito nella valle dell’alto corso del fiume Foglia) è un piccolo Comune marchigiano di appena 1500 abitanti circa. Il sindaco del paese, Mauro Dini, ha espresso il suo dolore e quello di tutta la comunità: “Il mio animo, in questo momento, è di grande sofferenza. Li vedevo spesso? Certo, in un pugno di case così ci conosciamo tutti. Sono momenti che colpiscono profondamente il nostro mite quotidiano. Da tempo non avevamo un lutto cittadino di questa portata”.

Maria Mento