Incredibile aggressione: proprietario del British Safari Park quasi ucciso da un leone

Mike Hodge, il proprietario del British Safari Park che si trova in Sudafrica è stato brutalmente aggredito da un leone dopo essere entrato nel suo recinto. Il leone lo ha colpito prima di afferrarlo e trascinarlo nel sottobosco. L’orribile aggressione è avvenuta sotto gli occhi di alcuni spettatori atterriti. Qualcuno ha anche girato un video.

L’uomo era entrato nella gabbia del leone per risolvere un problema

Mike Hodge è il nome dell’uomo inglese che è stato attaccato dal leone presso il Makarele Predator Center di Thabazimbi. L’uomo, in Sudafrica insieme alla moglie Chrissy ormai dal 2003, è vivo per miracolo ed è stato ricoverato in ospedale con gravi lesioni al collo ed alla mascella. Secondo quanto rivelato da un amico di Hodge, che è voluto rimanere anonimo, Mike Hodge era entrato nel recinto per indagare su di uno strano odore proveniente dallo spazio riservato al leone e- messo il leone all’angolo- non ha fatto in tempo a correre via quando il grosso felino gli si è rivoltato contro. “Mike e uno dei suoi ranger erano un po’ preoccupati per un odore che stava sconvolgendo uno dei leoni ed era entrato attraverso il cancello per vedere cosa lo stesse causando”, ha detto l’uomo ai microfoni di The Sun. L’amico di Hodge ha aggiunto che Hodge non è uno sprovveduto, che sa trattare con i leoni e che qualcosa è andato evidentemente storto. Ha detto anche di non sapere quali siano le condizioni attuali dell’uomo e che al suo capezzale ci sono la moglie e la figlia.

Le dichiarazioni della Polizia locale fanno ben sperare

Il video dell’aggressione a Mike è davvero sorprendente. Il leone lo ha inseguito all’interno del recinto, lo ha catturato e lo ha portato verso dei cespugli. Il leone è stato poi fermato da dei colpi sparati in aria che lo hanno impaurito. Qualcuno, nel video, urla di prendere un fucile. Il leone, dopo l’attacco, sarebbe stato ucciso. La vita di Mike Hodge, invece, non dovrebbe essere in pericolo. Secondo quanto rivelato dalla Polizia sudafricana, tramite il tenente colonnello Moatshe Ngoepe, si sta riprendendo. Il parco, dopo l’incidente, è rimasto chiuso.

Maria Mento