Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Giovane madre pugnala il suo fidanzato mentre lo fanno: “I sacrifici umani mi eccitano”

0
CONDIVIDI

Accoltellato cinque volte mentre facevano sesso

Una mamma 19enne ‘ossessionata da omicidi e sacrifici maschili‘ vestita da clown, ha pugnalato il suo giovane fidanzato per ben cinque volte dopo averlo convinto a coprirsi il viso con un cuscino mentre facevano sesso.

Lei avrebbe detto a Kieran Bewickfidati di me‘, poco prima di immergere la lama da 25 cm nel suo petto.

Zoe Adams, 19 anni, ammette di aver causato intenzionalmente gravi danni fisici, ma insiste sul fatto che la versione dei fatti di Bewick sia stata “truccata”. Alla Corte Suprema di Carlisle, la vittima di 18 anni ha fornito un resoconto sconvolgente degli eventi che hanno portato all’aggressione del 29 luglio dello scorso anno a Wigton, in Cumbria.

Gli avvocati hanno visionato un’intervista videoregistrata con Bewick, che ha subito cinque ferite da taglio, dove ha spiegato di aver trascorso la prima parte della giornata a fare shopping a Carlisle e poi di essere andato a casa della ragazza.

La coppia ha bevuto alcol e lei anche fumato cannabis, ha detto il signor Bewick. Quest’ultimo ha bevuto così tanto da vomitare, ha ascoltato la Corte.

carsilse corte
Uno strano gioco sessuale

Alle 20.30 circa, lui era a letto quando la ragazza è salita al piano di sopra con il viso coperto di trucco, come fosse un pagliaccio. Gli ha chiesto se lo spaventava. Il giorno prima si erano scambiati messaggi sui clown, e lui le disse che un pagliaccio a piedi nudi era il suo incubo. Ha detto che la sua risposta è stata: “Un pagliaccio a piedi nudi, l’ultimo killer Kieran (riferimento alla saga di Scream n.d.r.)”.

Berwick ha rivelato di aver ricevuto da lei un messaggio il mese prima, il 9 giugno, dicendo che la sua fantasia sessuale era un maschio legato e usato come sacrificio umano. Alla polizia, il ragazza ha dichiarato di aver rifiutato due volte la richiesta della ragazza di legarlo al letto, prima che lei gli chiedesse di mettersi un cuscino sul volto, dicendo: “Cos it’s kinkier that way” (Così è più carino).

Il ragazzo ha affermato di essersi accordati sul compromesso. Quando il suo telefono si spense, la ragazza lo afferrò e lo mise accanto al letto prima di chiedergli: “Mi ami davvero? Mi vuoi davvero?”, il ragazzo rispose di sì, dopo di che la ragazza le disse: “Metti il cuscino sulla faccia, fidati di me“.

L’unica cosa che ricordavo è che mi aveva pugnalato due volte“, ha dichiarata durante l’intervista della polizia. “Mi ci sono voluti alcuni secondi per elaborare quello che era successo. Non mi ero reso conto di quello che era successo“.

Il caso è tuttora aperto.

Mario Barba