Home Tempi Postmoderni Invecchia come un essere umano, la storia da brivido della bambola “infestata”

Invecchia come un essere umano, la storia da brivido della bambola “infestata”

L’inquietante invecchiamento delle bambole

Non tutti hanno familiarità con il processo di invecchiamento delle bambole, questo perché, nella maggior parte dei casi, passata la fase dell’infanzia si tende ad eliminare giocattoli e ninnoli che hanno caratterizzato quella particolare fase della vita. C’è chi, invece, per nostalgia conserva tutti gli oggetti che hanno avuto un valore emozionale nel processo di crescita ed osserva nel corso degli anni come l’andare del tempo influisce su questi.

Nel caso della bambole il processo di invecchiamento ha qualcosa di inquietante, queste perdono i capelli, ingialliscono ed i loro occhi diventano vitrei come quelli di un cadavere. Non è un caso, infatti, che le bambole siano legate ad un immaginario di possessioni demoniache che va dal Giappone feudale all’America dei primi del novecento (senza contare quelle utilizzate nei riti vodoo in Africa) fino ad arrivare al mondo della cinematografia, dove Chucky (la bambola assassina appunto) è diventato una delle figure più inquietanti dell’intero panorama horror. Ovviamente nella maggior parte dei casi si tratta di mere suggestioni, ma ci sono volte che la realtà supera la fantasia e la nostra percezione razionale del reale vacilla in favore del dubbio e della paura.

La bambola che invecchia come un essere umano

Il caso di cui vi vogliamo parlare oggi è stato portato alla nostra attenzione dalla pagina Facebook di ‘Mistero‘. In questa si parla di una particolare bambola appartenuta ad una bambina di una famiglia medio borghese. I genitori le regalano la bambola quando è ancora molto piccola, lei non si separa mai da quel giocattolo finché non raggiunge l’età puberale e perde interesse per i giocattoli. Quando è arrivato quel giorno, la ragazza ha riposto la bambola in una scatola e si è dimenticata della sua esistenza.

Un giorno, undici anni dopo, la stessa ragazza stava sistemando alcuni scatoloni in soffitta e quando ha trovato quello della bambola, la sua attenzione viene attirata e decide di vedere come stava la sua compagna di tante avventure. Con sua grande sorpresa la bambola era invecchiata esattamente come un essere umano, il suo volto era coperto di rughe, raggrinzito ed i suoi occhi avevano un’aria diversa, come se avessero preso vita.

La storia, come riportato anche da Mistero, è una storia molto comune negli Stati Uniti e ci sono diverse fonti sul web che la riportano con dettagli leggermente differenti. Sulla questione l’opinione pubblica si divide, c’è chi sostiene che la bambola fosse posseduta e chi, tra cui anche gli esperti di bambole, che ritengono il fenomeno normale degrado in determinate condizioni di conservazione.