Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Le polpette dell’Ikea? Non provengono dalla Svezia. Ombre sulla multinazionale

CONDIVIDI

Dopo anni di voci Stoccolma confessa: “Le nostre polpette sono turche”

Le famosissime polpette Ikea

Una delle principali attrattive per una passeggiata in uno store Ikea è senza ombra di dubbio la presenza delle tipiche polpette “Svedesi” che si trovano al suo interno. In tutte le parti del mondo hanno gustato questa specialità tipica, cercando magari di replicarne il risultato in casa per una serata tra amici. Ciò che non è mai stato detto, però, è che il piatto in questione non è parte della tradizionale cucina svedese, bensì di quella turca.

A confessare è stato lo stesso governo svedese che, come riportato dal sito d’informazione turco ‘Trt‘, ha spiegato da dove proviene la ricetta originale: “Il piatto è preparato sulla base di una ricetta che re Carlo XII importò dalla Turchia nel 18esimo secolo”. Il giovanissimo re, salito al trono quando aveva appena 15 anni, è stato sconfitto in battaglia dalla Russia e dopo essere stato catturato è stato mandato in esilio nell’allora Impero Ottomano. Quando finalmente è riuscito a fare ritorno in patria, Carlo XII ha portato a corte la ricetta delle polpette ed ha istituito l’abitudine di bere il caffè.

Le reazioni in Turchia alla confessione del governo svedese

Se da un lato c’è chi esulta per il riconoscimento della Svezia, ad esempio ad esempio i cittadini di Inegol (conosciuta come la patria delle polpette), diversa la reazione di Sedar Cam (presidente dell’agenzia turca per la cooperazione) che ha chiesto alla multinazionale immobiliare di riconoscere il piatto tradizionale tipico turco. Molta ironia, invece, sul web dove alcuni cittadini svedesi hanno commentato la notizia con battute del tipo: “Tutta la mia vita è stata basata su una bugia”.