Home Sport

Cronista minacciato in diretta tv dopo la partita? il web si interroga

CONDIVIDI

Allontanato dalle telecamere e, forse, minacciato, il tutto in diretta televisiva. L’increscioso episodio sarebbe avvenuto poco dopo il 2-2 del match tra Napoli e Torino che, virtualmente, ha consegnato con due giornate di anticipo lo scudetto alla Juventus. L’episodio è avvenuto ai danni del giornalista Carlo Alvino, di Tv Luna, in collegamento con lo studio dopo la partita peer un’intervista quando, alle sue spalle, alcuni ultras lo hanno preso per un braccio per portarlo con loro ad alcuni metri di distanza dal luogo della diretta televisiva, lasciando attoniti i telespettatori ma anche i giornalisti in studio. Secondo quanto riportato da alcuni testimoni, i ‘tifosi’ gli avrebbero intimato, parlando in dialetto napoletano, di spegnere tutto e allontanarsi immediatamente perchè altrimenti lo avrebbero picchiato. Il tutto dopo averlo accerchiato, mentre un’altra persona spostava la telecamera perchè non inquadrasse la scena.

La verità sull’episodio in un nuovo video

Vere e proprie minacce dunque? pochi istanti dopo la diretta è stata sospesa, mentre qualcuno provava a smentire quanto accaduto dando una versione dei fatti differente. Si è infatti parlato di fraintendimento ed è stato proprio uno degli ultras coinvolti a raccontare, con il giornalista al suo fianco, quanto fosse accaduto. “State montando un caso che non esiste – ha spiegato in un video diffuso in rete nelle ore successive – Io e Carlo ci conosciamo da bambini, siamo nati nello stesso quartiere. Non mi potevo mai permettere di minacciarlo. Volevo mi pagasse un caffè! Carlo Alvino – ha concluso uno dei coinvolti – difende i nostri colori ovunque, è un amico”.

Minacce in diretta, i dubbi del web

Gran parte degli utenti del web che ha visionato i filmati, non ha creduto a questa versione dei fatti, domandandosi perchè degli ultras amici del giornalista, abbiano dovuto interromperlo sul posto di lavoro per ‘offrirgli un caffè’. Il mistero dunque, dovrà probabilmente essere opportunamente chiarito.