Strage di Londra: la madre che pulisce il sangue del figlio ucciso commuove il web

Strage di Londra: madre filmata mentre pulisce il sangue del figlio uccisoMadre lava il sangue del figlio ucciso dalle strade

Una mamma devastata dal dolore ha lavato il sangue del figlio adolescente dalla strada, essendo stato uno dei cinque ragazzi uccisi nella strage di sangue in occasione della festività del ‘May Bank Holiday’.

Pretana Morgan è stata filmata a Kennington, nel sud di Londra, dopo la morte del figlio diciassettenne, Rhyhiem Barton.

Anche un ragazzo di 13 anni è stato colpito da un colpo di pistola mentre era fuori con i suoi genitori nel nord-ovest di Londra, mentre l’intero paese era messo in ginocchio da undici aggressioni con pistole, coltelli e acido.

Dall’inizio dell’anno, Rhyhiem è diventata la 63a vittima degli omicidi della capitale.

Sua madre è stata filmata mentre lavava il sangue del figlio, due giorni dopo l’omicidio, da una telecamera di ‘Sky News’.

Le immagini strazianti sono arrivate appena un giorno dopo che la madre ha descritto le strade della capitale come “lastricate di sangue.

Gli ufficiali erano stati chiamati su Cooks Road per alcuni spari, poco dopo le 18 di sabato sera e hanno trovato il figlio di Pretana morente nella vicina Warham Street.

I soccorsi sono subito giunti sul posto, ma l’adolescente, che era un aspirante rapper, è stato in seguito dichiarato morto.

vittima adolescente”Mio figlio sia l’ultimo e sia un esempio per tutti”

Pretana, 38 anni, disse: “Mio figlio sia l’ultimo e sia un esempio per tutti. Basta così“.

Ha aggiunto: “Non si tratta di razza, non si tratta di nazione, non si tratta di cultura. Niente. È solo una razza umana. Solo una razza umana. Perciò, figlioli, per favore lasciate che mio figlio sia l’ultimo“.

I gruppi per la libertà civile hanno bloccato le tattiche di ‘stop and search’. Queste tattiche erano volte ad un aumento della sicurezza attraverso continue perquisizioni, reputate però decisamente discriminatorie.

Theresa May, mentre era il ministro dell’Interno, li ha limitati nel 2014 dopo che la ricerca ha detto che il loro uso era discriminatorio.

Ma l’ispettore capo Simon Messinger, ha insistito: “I miei colleghi per strada stanno usando questo potere in modo davvero efficace; sequestrando coltelli, fermando auto di individui che portano armi ed effettuando arresti“.

Mario Barba