Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Bidella accusata di pedofilia si uccide: “Sono innocente, la gente giudica e basta” 

CONDIVIDI

Bidella accusata di pedofilia si ammazza: “Sono innocente, la gente giudica e basta”
Rinviata a giudizio, 64enne si uccide 

Si è tolta la vita una bidella di 64 anni di Cagliari che era stata accusata di pedofilia. La donna, ex bidella di una scuola materna di Sestu, cittadina in provincia di Cagliari, aveva ricevuto qualche giorno fa l’avviso di conclusione delle indagini da parte della Procura di Cagliari e la richiesta di rinvio a giudizio. La donna non ha retto alle accuse che, negli ultimi due anni, le sono state rivolte ed alla fine si è tolta la vita nella sua casa.

I fatti 

Tutto comincia due anni fa, quando i genitori di una bambina di 4 anni che frequentava la scuola materna di Sestu hanno denunciato gli abusi sessuali. 
Secondo i genitori, la donna avrebbe portato la bambina in bagno per abusarne. Gli inquirenti si sono prodigati con le intercettazioni per cercare di capire se effettivamente gli abusi fossero avvenuti o meno.
Nessun elemento a riscontro dell’accusa della bambina è stato rilevato dagli inquirenti, che hanno intercettato a lungo la donna, ma le loro indagini hanno dato esito negativo.

Nonostante non ci fossero riscontri, la Procura ha comunque chiesto il rinvio a giudizio perché nell’incidente probatorio la bambina aveva confermato il suo racconto.
La bidella lavorava da 40 anni nell’ambito e  da quel momento, come ha scritto nel messaggio lasciato dopo il suicidio, si è sempre sentita giudicata. Ha lasciato scritto nel messaggio: “La gente è solamente capace di giudicare; sono innocente”.