Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo “Mi stavo decomponendo e ho rischiato la morte”: la storia assurda di...

“Mi stavo decomponendo e ho rischiato la morte”: la storia assurda di Jessica

Usa il tampone per andare a mare e rischia di morire

Una giovane ragazza britannica, Jessica Read, racconta la sua disavventura in seguito all’ultima giornata di esami di maturità. Felice per aver concluso il percorso scolastico ha deciso di festeggiare con gli amici concedendosi una giornata di relax a mare. Durante la giornata, però, Jessica comincia ad avvertire un forte mal di testa, questo non le impedisce di assolvere al turno di lavoro come centralinista al centro ricreativo.

Finite le 4 ore di lavoro Jessica torna a casa e si sente mancare, così si mette immediatamente a letto. Tutta la notte ed il giorno successivo viene debilitata da una forte febbre e tutti, lei compresa, pensano che si tratti di un‘insolazione per il troppo tempo d’esposizione al sole. Nei giorni successivi la sua salute peggiora, la ragazza è costretta a letto da continui attacchi di nausea e diarrea. Dopo qualche giorno in quelle condizioni, Jessica crolla a terra ed i genitori la portano d’urgenza in ospedale.

La terapia in ospedale e la scoperta della causa: il tampone interno

In totale stato di panico, debilitata ed incapace di reagire Jessica comincia a pensare che la sua vita stava terminando a 17 anni. I medici non comprendono che cosa possa aver causato quello stato tossico e la riprendono da un arresto cardiaco per un soffio. Un giorno, uno dei medici le pone una domanda specifica e molto personale: “Usi i tamponi?”, Jessica imbarazzata risponde di si e questo le spiega che la causa dell’infezione potrebbero essere proprio quelli.

Il giorno seguente le analisi effettuate confermano che la causa della sua malattia erano proprio i tamponi: “La tua è un’infezione batterica- le dice il medico- causata dall’aumento di batteri all’interno del tuo corpo, causata quasi certamente dall’utilizzo di tamponi”. La successiva cura ha avuto esito positivo salvandole la vita, anche se con lo sgradevole effetto collaterale di farle perdere un intero strato di pelle da tutto il corpo.