Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

“Ho paura di non farcela”: si teme per un 13enne, scomparso in un bosco

0
CONDIVIDI

La richiesta d’aiuto di un tredicenne

"Ho paura di non farcela": si  teme per un 13enne, scomparso in un bosco
Il bosco in cui è scomparso il 13enne.

La polizia britannica è alla disperata ricerca di un adolescente che ha scritto un biglietto d’aiuto e lo ha lasciato in un parco. A trovare il biglietto è stato Danny Harris (39 anni) mentre camminava per la foresta di Ospringe, nel Kent. Dopo aver letto quelle righe che palesano il pensiero insistente di ricorrere al suicidio, l’uomo ha immediatamente chiamato la polizia nella speranza che gli agenti riescano a far luce sull’identità del ragazzo/a (nello scritto non si riesce a capire se si tratta di una ragazza o di un ragazzo).

Nel biglietto si leggono frasi difficilmente fraintendibili come: “So che nessuno leggerà questo biglietto ma ho speranza (che accada). C’è così tanta m…a nella mia vita che non so se riesco a gestirla. Cerco di proteggermi ma non so se questo è abbastanza, voglio solamente tirare fuori tutto questo dal mio petto”. Una richiesta d’aiuto che si chiude con un’indicazione sul dove trovarlo “Questa foresta è l’unico posto in cui trovo sollievo” e su come riconoscerlo “Ho solo 13 anni”.

La polizia divulga il biglietto e risponde alla richiesta d’aiuto

La stessa polizia ha condiviso il ritrovamento del biglietto alla stampa così da diffondere la disponibilità della comunità ad aiutare il ragazzo in difficoltà. Danny e la fidanzata Katie hanno persino invitato l’autore del biglietto a farsi avanti per permettere a qualcuno di aiutarlo: “Vorrei solamente far sapere a chi ha scritto il biglietto che ora è stato trovato dalle persone a cui si riferisce e che a quelle persone interessa della sua salute e che quelle persone sono là fuori pronte a dargli l’aiuto di cui necessita”. La stessa Katie, intervistata dal ‘The Sun‘, aggiunge: “Vorrei incoraggiare le persone a cercare aiuto. Non importa con chi ne parli. Per esperienza personale so che è più semplice parlare ad un estraneo”.