Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Ragazza di 16 anni denuncia gli abusi del patrigno e subito dopo compie un gesto tragico

CONDIVIDI
Ragazza di 16 anni denuncia gli abusi del patrigno e compie un gesto tragico
La vittima, Georgia Walsh

Denuncia le violenze e si toglie la vita 

Ha chiamato i soccorsi per denunciare gli abusi sessuali subiti dal patrigno; pochi istanti dopo, si è gettata sotto un treno. 
Il tragico fatto è avvenuto nella stazione ferroviaria di Dunton Green, Kent, dopo che la 16enne Georgia Walsh ha chiamato i soccorsi per denunciare il suo patrigno per abusi sessuali.
La ragazza non reggeva più le violenze, quindi ha pensato di denunciare tutto e poi di togliersi la vita. 

La ragazza, che studiava e lavorava in un bar, la sera in cui si suicidò non apparve particolarmente turbata, solo un po’ pensierosa secondo i colleghi, ma senza ragioni particolari.
Dopo la chiusura del locale, Georgia Walsh si diresse alla stazione e chiamò il 999. Agli operatori del soccorso raccontò di essere stata molestata dai 13 ai 14 anni, tutte le sere. A 16 anni la giovane aveva denunciato quello che succedeva alla madre, che aveva allontanato l’uomo e l’aveva denunciato, ma ciò non era bastato a placare la ferita della 16enne.

L’uomo è stato condannato 

Adesso il patrigno di Georgia Walsh è stato definitivamente condannato per molestie sessuali. 
I tragici fatti sono avvenuti nel marzo 2017, ma solamente adesso il patrigno di Georgia Walsh, Brett Connell, è stato condannato a nove anni di carcere. 

Purtroppo però per Georgia Walsh non c’è più nulla da fare. “Non siamo riusciti a dire addio a Giorgia come avremmo voluto, il fatto che lui sia stato punito è però una magra consolazione” ha commentato la nonna della giovane.