Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

“Voglio un’Europa più forte ma più equa”: le parole di Savona che potrebbero convincere Mattarella

CONDIVIDI

La situazione politica italiana sembrava essersi sbloccata con l’individuazione del futuro Premier nella figura di Giuseppe Conte. In realtà, la possibile nomina dell’economista Paolo Savona a Ministro dell’Economia e delle Finanze ha di nuovo bloccato la situazione. Vediamo gli ultimi sviluppo del caso.

Paola Savona e il comunicato stampa rilasciato all’ora di pranzo

Alla candidatura di Paolo Savona, proposto come possibile futuro Ministro dell’Economia, il Quirinale ha cominciato a storcere il naso. Paolo Savona non piace a Sergio Mattarella, per le sue posizioni antieuropeiste e contrarie anche alla moneta unica. Tuttavia, Matteo Salvini è apparso irremovibile sulla questione: “O Savona Ministro o si torna a votare”, ha fatto sapere il leader della Lega, che non vuole “tirare a campare” nè portare avanti altre trattative e accettare un Ministro che soddisferebbe Bruxelles. Intanto, all’ora di pranzo, sono arrivate le parole dello stesso interessato Paolo Savona, che si è espresso su tutta la vicenda e su quella che è la sua visione nei confronti dell’UE, affermando di volere un’Europa più forte ma più equa e citando più volte i paragrafi del contratto M5S-Lega che riguardano più da vicino il suo Ministero. Nel comunicato, pubblicato da Scenarieconomici.it, si possono individuare alcuni dei provvedimenti auspicati da Savona: la creazione di una scuola europea, l’attribuzione di funzioni legislative al Parlamento Europeo su specifici argomenti, dare lo stesso potere alla Commissione europea in ciò che riguarda l’articolo 3 del Trattato di Lisbona, poteri di vigilanza sulle istituzioni europee da assegnare al Consiglio Europeo dei Capi di Stato, e nuovi poteri simili a quelli delle banche centrali mondiali da assegnare alla BCE. Nessun accenno, invece, alla questione dell’euro.

Il Premier incaricato Conte sarà al Quirinale alle ore 19:00

Intanto, Giuseppe Conte, il Premier incaricato di costituire un Governo dallo stesso Mattarella, dovrà recarsi al cospetto del Presidente della Repubblica tra poco meno di due ore (ore 19:00). Non si sa ancora quali saranno i contenuti del discorso che si svolgerà tra Conte e Mattarella. Sarà, forse, un nuovo discorso informale o una vera e propria presentazione della lista dei Ministri. Quel che è certo è che pare ci sia nell’aria una proposta che aprirebbe nuovi scenari: quella di dividere in due parti il Ministero dell’Economia e delle Finanze e di affidare a Savona e il Bilancio al banchiere Rainer Masera. Proposta che, però, non trova d’accordo la Lega.

(Foto d’archivio)

Maria Mento