Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Gaza, ancora sangue tra Israeliani e Palestinesi: i militari impediscono il soccorso...

Gaza, ancora sangue tra Israeliani e Palestinesi: i militari impediscono il soccorso dei feriti- VIDEO

Continua il bagno di sangue che ininterrottamente si compie da anni in quel di Gaza. La violenza a cui è arrivato lo scontro tra Israeliani e Palestinesi viene palesemente mostrata su Facebook in un video nel quale si vedono dei militari israeliani che impediscono il soccorso dei feriti palestinesi.

Militari aggrediscono sanitari: il video della vergogna

Nel video pubblicato su Facebook, per quanto breve esso si, si distinguono chiaramente dei comportamenti violenti che sono da condannare come assolutamente inumani. Protagonisti di queste deplorevole azioni dei militari israeliani che impediscono ai sanitari di portare soccorso a dei feriti palestinesi. Nella prima parte del video si vedono quattro medici tentare di caricare un ferito su di una barella, trattenuta per mano da un militare che non li vuole lasciare andare. Poco dopo altri militari minacciano altri sanitari che si trovano a terra, in procinto di aiutare un altro ferito, puntando loro i mitra al volto. Il tutto si traduce in una risposta dei soccorritori che spintonano via i militari e che, infine, riescono a prelevare il ferito e a portarlo più da loro. Il video, visualizzato da circa 28mila utenti e condiviso da poco più di 500, ha scatenato la reazione di persone che si schierano contro la violenza dei militari, definiti da qualcuno peggio delle bestie feroci.

La situazione a Gaza: un riepilogo

L’eredità che si porta dietro un territorio martoriato come quello di Gaza è pesante e va fatta risalire indietro fino al 1948, all’anno cioè della costituzione dello Stato d’Israele, sebbene sia impossibile ripercorrere qui e approfonditamente tutte le sue tappe storiche. La crisi, che non ha mai conosciuto una reale fine, si è riacutizzata dal 2006 in poi, con tutto quello che è venuto tra Fatah, Hamas e l’ingerenza degli Stati Uniti. Nel 2007 la prima guerra civile palestinese e da lì Gaza si è avviata verso un declino che in cifre si può tradurre così: il 42% di povertà tra la popolazione, che riceve aiuti umanitari per l’80%, e un’economia a picco che perde mezzo miliardo di dollari. In ultimo, proprio l’inaugurazione della nuova ambasciata americana a Gerusalemme ha aiutato a riaprire questa ferita e a far riacutizzare gli scontri di cui, però, non si sente parlare spesso come sarebbe giusto invece fare.

Maria Mento