Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo “Anche i reali non devono essere lasciati da soli”, la terrificante minaccia...

“Anche i reali non devono essere lasciati da soli”, la terrificante minaccia al principe George

“Anche i reali non devono essere lasciati da soli”, la terrificante minaccia al principe George

L’inquietante minaccia al principe George

Husnain Rashid (32 anni) è stato accusato per quattro capi d’accusa: tre riguardanti incoraggiamento a preparare attentati ed uno per incoraggiamento al terrorismo. L’uomo, insegnante nella moschea di Nelson (Inghilterra) si è infatti reso colpevole di aver diffuso in rete, via Telegram, un invito a colpire il principe George, primogenito di William e Kate e terzo nella linea di successione al trono. Nell’invito a colpire i reali d’Inghilterra il piccolo principe era raffigurato in un fotomontaggio accanto all’ingresso dell’asilo con a fianco un jihadista e sotto le due figure campeggiava la scritta minacciosa: “Nemmeno la famiglia reale dovrebbe essere lasciata sola”. Nel prolifico canale Telegram, l’uomo aveva persino scritto il nome e l’indirizzo dell’istituto nel quale i terroristi avrebbero potuto trovare George (St Thomas’s Battersea – South West, London).

Processo alla Woolwich Crown Court: emergono altri inviti al terrorismo

Nel corso del processo ai danni di Rashid è emerso che l’uomo si era già reso colpevole di inviti al terrorismo nel corso di questi anni. Il primo episodio si è verificato nel 2016 quando, all’indomani dell’esplosione di una bomba nello stadio del Besiktas (Turchia), questo aveva invitato i suoi follower a compiere atti simili anche in Inghilterra. L’invito, però, più inquietante riguardava quello ad avvelenare ogni confezione di gelato presente nei supermercati britannici, un suggerimento che se seguito in massa avrebbe potuto causare una strage di dimensioni non quantificabili.

Nel presentare il caso, come riportato dal ‘The Sun’, l’avvocato della pubblica accusa, Annabel Darlow, ha dichiarato, come : “I suoi progetti erano indiscriminati. Non faceva differenze tra adulti e bambini, tra civili e membri delle forze armate, i suoi suggerimenti comprendevano l’iniezione di veleno in tutte le confezioni di gelato presenti nei supermercati e colpire il principe George mentre entrava alla scuola primaria”.