Home Tempi Postmoderni

Madonna di Medjugorje, apparizione del 2 Giugno 2018, il messaggio alla Veggente Mirjana: “L’amore supera tutte le difficoltà e tutti i miei figli hanno sete d’amore”

CONDIVIDI

ULTIMO MESSAGGIO MEDJUGORJE 2 GIUGNO 2018

E’ attesa per il messaggio della Vergine Maria madre di Gesù che – come ogni 2 e 25 del mese – apparirà ai piedi del monte Podbrdo, dove ininterrottamente parrebbe apparire dal 24 giugno 1981, sulla altresì nota “collina delle apparizioni”. Si tratta di un messaggio sempre molto atteso dalla comunità cristiana e dai devoti della comunità di Medjugorje.

Ecco l’ultimo messaggio di oggi, 2 giugno 2018:

Cari figli, vi invito ad accogliere le mie parole con semplicità di cuore, parole che come Madre vi dico perchè possiate incamminarvi sulla via della luce completa, la via della purezza, la via dell’Amore unico di mio Figlio: Uomo e Dio. Una gioia e una luce indescrivibile con parole umane penetrerà nella vostra anima, vi avvolgerà la pace e l’amore di mio Figlio: è questo che desidero per tutti i miei Figli. Perciò voi, apostoli del mio amore, voi che sapete amare, voi che sapete perdonare, voi che non giudicate, voi che io esorto, siate esempio a tutti coloro che non si sono incamminati sulla via della luce e dell’amore, oppure l’hanno abbandonata. Con la vostra vita mostrate loro la verità. Mostrate loro l’amore, perché l’amore supera tutte le difficoltà e tutti i miei figli hanno sete d’amore. La vostra unione nell’amore è il dono a mio Figlio e a me. Però, Figli miei, ricordate: amare significa desiderare sia il bene per il prossimo, sia la conversione dell’anima del vostro prossimo. Mentre vi guardo riuniti intorno a me il mio Cuore è triste, perché vedo così poco amore fraterno, amore misericordioso. Figli miei, l’Eucarestia è mio Figlio vivo in mezzo a voi, le sue parole vi aiuteranno a comprendere, perché la sua parola è Vita, la sua parola fa sì che l’anima respiri, la sua parola fa comprendere l’amore. Figli miei, nuovamente vi invito, come Madre che desidera il bene dei suoi Figli, amate i vostri pastori, pregate per loro. Vi ringrazio.

In attesa, vi riportiamo il messaggio del 2 del mese precedente:

Cari figli, grandi opere ha fatto in me l’Onnipotente, come le fa in tutti coloro che dolcemente Lo amano e con fede e autenticità Lo servono.
Figli miei il Padre Celeste vi ama, e per amor suo io sono qui con voi. Egli vi parla, perchè non desiderate vedere i segni? Con Lui è tutto più facile.
Il dolore vissuto con Lui è più tenue perchè vi è la fede e la fede aiuta nel dolore, il dolore senza fede porta alla disperazione. Il dolore vissuto e portato a Dio innalza.
Non è mio Figlio che per il suo doloroso sacrificio ha redento il mondo?
Io, come Madre sua, ero con Lui nel dolore e nelle pene, così come lo sono con tutti voi.
Figli miei, sono con voi nella vita, nel dolore, nelle sofferenze, nelle gioie e nell’amore; perciò abbiate speranza. La speranza vi fa comprendere che c’è vita.
Figli miei io vi parlo, la mia voce parla alla vostra anima, il mio cuore parla al vostro cuore.
Apostoli del mio amore, quanto vi ama il mio materno cuore, sono tante le cose che desidero insegnarvi, quanto il mio cuore materno desidera che siate completi, ma lo potete essere solo quando in voi saranno unite l’anima, il corpo e l’amore.
Vi prego come miei figli, pregate per la Chiesa e i suoi servi, i vostri pastori. Che la Chiesa sia come la desidera mio Figlio, pura come acqua di sorgente e piena d’amore.
Vi ringrazio.

Questo invece il messaggio dello scorso 25 maggio:

Cari figli! In questo tempo inquieto vi invito ad avere più fiducia in Dio che è il Padre vostro nei cieli e che mi ha mandato per condurvi a Lui. Voi, aprite i vostri cuori ai doni che Lui desidera darvi e nel silenzio del cuore adorate mio Figlio Gesù, che ha dato la Sua vita affinché viviate nell’eternità dove desidera condurvi. La vostra speranza sia la gioia dell’incontro con l’Altissimo nella vita quotidiana. Per questo vi invito: non trascurate la preghiera perché la preghiera fa miracoli. Grazie per aver risposto alla mia chiamata