Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Apre una bottiglia di candeggina e la beve: bimbo di 2 anni...

Apre una bottiglia di candeggina e la beve: bimbo di 2 anni in gravi condizioni

bimbo 2 anni
Bimbo di 2 anni rischia la vita in un supermercato

Un negoziante è stato trovato in parte responsabile delle terribili lesioni subite da un bambino che ha bevuto un detergente per la pulizia delle fognature in un supermercato.

Ayman Faisal non può più parlare e deve essere alimentato attraverso un tubo nello stomaco dopo aver bevuto la sostanza, che conteneva soda caustica.

L’incidente ha avuto luogo presso il ‘Safa Superstore‘ di Safiqit Younis a Moss Side, Manchester, nel gennaio 2013. Il bimbo, che all’epoca aveva appena due anni, è rimasto a combattere per la vita dopo che è riuscito ad aprire una bottiglia presa da uno scaffale mentre la madre era girata di spalle.

A seguito di un’indagine, il produttore ‘Active Brands Concept Ltd‘ ha ammesso che era responsabile perché il tappo di sicurezza per bambini è stato facilmente rimosso dal bambino.

I giudici hanno ora stabilito che ‘SAFA Superstore‘ è di un terzo responsabile, perché la bottiglia avrebbe dovuto essere conservata su uno scaffale più alto. Inoltre, il proprietario non aveva la licenza corretta per vendere la sostanza tossica, che era contrassegnata come “tenere fuori dalla portata dei bambini”.

Caustic soda ”Per favore, non lasciate morire mio figlio”

Anche la mamma di Ayman, Saira, 38 anni, ha sofferto di ustioni chimiche alle mani e ai piedi mentre cercava disperatamente di aiutare suo figlio.

Non sapevo cosa fosse o cosa stesse succedendo in un primo momento, sapevo solo che era qualcosa di brutto.”

Ricordo di aver urlato al personale per chiamare un’ambulanza mentre cercavo di uscire il più possibile con le mani. Ero terrorizzata. Tutto quello che continuavo a pensare era ‘per favore, non lasciate morire mio figlio“.

Ayman ha trascorso circa un mese in terapia intensiva e altre sei settimane in un reparto comune del ‘Royal Manchester Children’s Hospital‘ prima di essere ricoverato a casa.

Quattro anni dopo ha ancora bisogno di cure 24 ore su 24 per gestire la tracheostomia.

Frequenta la Scuola Lancasteriana di Didsbury e sta imparando a comunicare usando il suo iPad e il linguaggio dei segni.

Saira, di Rusholme, ha dichiarato di essere incredibilmente orgogliosa di come suo figlio ha gestito il terribile incidente.

Mario Barba