Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

‘Chi l’ha visto’: il caso di Sissy non è suicidio, la parola ai genitori

0
CONDIVIDI

Stasera a ‘Chi l’ha visto’ si stanno trattando i casi di “falsi suicidi”. Molti fascicoli, ogni anno, vengono archiviati, perché a un primo acchito sembrano suicidi. Qual è il problema? Che molte persone non volevano suicidarsi.

E allora come sono morte?

Il caso di Sissy, la ragazza trovata con un colpo di pistola alla tempia

È questo il caso di Maria Teresa Trovato Mazza, di cui si sta discutendo adesso. Era conosciuta da tutti con il soprannome di Sissy. La ventinovenne è stata ritrovata priva di sensi nell’ascensore dell’ospedale civile di Venezia. Cosa c’è di strano fin qui? Be’, la ragazza riportava un colpo di pistola inflittole alla tempia.

Sissy era un’agente penitenziario. Adesso, è in coma dal quel giorno disgraziato, il primo novembre del 2016.

I genitori di Sissy si sono sempre battuti per la figlia. Era piena di vita, di sogni e di speranze, perché avrebbe dovuto compiere il gesto finale, tanto disperato?

I genitori non vogliono che si archivi il caso

Federica Sciarelli sta ripercorrendo la sua vita, offrendoci uno spaccato della sua quotidianità fino a quel momento, in cui la sua vita si è irrimediabilmente spezzata.

Cosa è successo nel frangente in cui Sissy è entrata nell’ascensore? Pare che la ragazza avesse denunciato un bacio di troppo. Che questa possa essere considerata la svolta decisiva per il suo caso?