Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Donna in vacanza muore nuda chiusa in lavanderia: “Ha cercato di fuggire spaccando i muri”

CONDIVIDI

“Ha cercato di rompere le pareti”

Una donna è morta dopo che si crede abbia trascorso diversi giorni cercando di fuggire da una lavanderia quando è rimasta intrappolata.

Disperata nel buio più profondo, Elizabeth Mary Isherwood, 60 anni, ha graffiato la porta e martellato attraverso l’intonaco per cercare di fuggire. Non riuscì ad aprire la porta quando la serratura le si disintegrò in mano, così cominciò a usare le scaffalature e le tubazioni di rame per fuggire.

Ma quando ha rotto il tubo, l’acqua fredda ha iniziato a entrare nella stanza minuscola, che ha coperto tutto. Un patologo ha detto che lei potrebbe aver trascorso diversi giorni cercando di fuggire dopo che hanno trovato buchi nel muro. Una conduceva ad un muro di blocchi solidi, l’altra attraversava un quadro.

Un vicino di casa ha sentito un rumore proveniente dall’appartamento del complesso vacanze Plas Talgarth a Machynlleth, nel Galles centrale, ma non lo ha segnalato. Solo quando l’acqua ha iniziato a sgorgare attraverso il soffitto di un appartamento sotto di lui si è reso conto che c’era un problema e un addetto alla manutenzione ha trovato il suo corpo. Un’inchiesta ha dichiarato che lei era al suo primo giorno di vacanza nel mese di settembre dello scorso anno, quando è andato in bagno nel bel mezzo della notte.

Per qualche ragione entrò poi nella lavanderia, la cui porta si apre verso l’interno e si chiudeva dietro di lei. Tuttavia, il pomolo della portiera era difettoso e le si ruppe in mano.

Il Coroner Dewi Pritchard Jones ha dichiarato: “Non potendo girare la serratura e rendendosi conto che era intrappolata e che non c’era luce, ha cominciato a rompere le tubature. Questo è stato utilizzato per cercare inizialmente di aprire la porta perché c’erano segni sulla porta, ma anche per cercare di rompere un buco attraverso la parete dell’armadio aerazione. Credo che abbia battuto un po’ dell’intonaco di una parete per trovare dei blocchi dietro di lei“.