Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Lo chef stellato Alessandro Narducci, muore in un drammatico incidente a 29...

Lo chef stellato Alessandro Narducci, muore in un drammatico incidente a 29 anni

Lo chef stellato Alessandro Narducci muore in un incidente stradale

Alessandro Narducci, lo chef stellato tragicamente scomparso a 29 anni.

Il giovane chef stellato Alessandro Narducci è morto durante la notte in seguito ad un incidente su Lungotevere della Vittoria (zona Prati, Roma). Secondo le prime ricostruzioni Alessandro aveva partecipato ad uno showcooking durante la manifestazione ‘Vinoforum‘ ed in quel momento stava facendo ritorno a casa con lo scooter in compagnia della giovanissima collega Giulia Puleio (25 anni). Giunti su Lungotevere della Vittoria i due sono andati allo scontro con un’auto (una Mercedes Classe A) guidata da un 30enne romano che in seguito all’urto si è schiantata contro delle macchine parcheggiate.

Sul posto sono giunti i soccorsi e le auto della polizia che si sono occupate di recintare la zona per favorire le operazioni di salvataggio. Purtroppo per Narducci e la collega non c’è stato nulla da fare, troppo gravi le ferite riportate durante lo scontro, l’automobilista invece è stato condotto in ospedale in codice rosso. Concluse le operazioni di soccorso, la polizia ha esaminato la scena del sinistro per ricostruire la dinamica dell’accaduto che, al momento, non è ancora stata ufficializzata. Ciò che è certo è che la polizia ha aperto un’indagine per omicidio stradale e richiesto un’analisi del sangue per il guidatore dell’auto per accertare che non fosse in stato di ubriachezza.

La folgorante carriera di Alessandro Narducci

Dopo aver studiato cucina da un fuoriclasse come Heinz Beck (decorato con 3 stelle Michelin) ed aver collaborato con lo chef stellato Angelo Troiano, Narducci aveva deciso di mettersi in proprio aprendo il locale ‘Acquolina’. In breve tempo il ristorante è diventato uno dei più frequentati della Capitale e si è meritato la stella Michelen. A 29 anni Alessandro aveva un futuro luminoso davanti che lo avrebbe potuto condurre alla pari con tanti colleghi più noti e celebrati.