Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Punirne uno per educarne cento: spacciatori fucilati davanti alle scolaresche

CONDIVIDI

Scolaresche cinesi portate ad assistere all’esecuzione di due spacciatori

Il mondo occidentale assiste con disapprovazione alla macabra lezione “Educativa” imposta ad alcune scolaresche cinesi lo scorso martedì 26 giugno. Gli studenti, infatti, sono stato portati dalla scuola ad assistere alla condanna a morte di due spacciatori. Il tutto si è verificato in pieno giorno all’interno del campo scuola di Haikou (sull’isola di Hainan): i due condannati, un uomo di 39 anni ed un altro di 36 arrestati nel 2015 per possesso e spaccio di sostanze stupefacenti, sono stati scortati al centro del campo scuola di fronte a 300 persone tra cui molti bambini e sono stati fucilati.

Scolaresche cinesi assistono alla condanna a morte: le critiche delle associazioni internazionali

La notizia della lezione di pena di morte data ai bambini delle scuole di Haikou è stata riportata da molti quotidiani in tutto il mondo. In base a quanto scritto su un articolo del ‘Daily Mail‘, i professori avrebbero affermato al termine dell’esecuzione che per gli studenti sarebbe stato molto educativo assistere ad una simile punizione per far capire loro cosa si rischia in caso di reato ritenuto grave. Diametralmente opposta, invece, la reazione delle associazioni internazionali in difesa dei diritti umani che hanno condannato l’ennesima violazione dei diritti umani da parte di Pechino e ovviamente la pratica della condanna a morte.