Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

“Ha ucciso 21 colleghi di lavoro”. Operaio sospettato di essere serial killer, ecco come uccideva 

CONDIVIDI
“Ha ucciso 21 colleghi di lavoro”. Operaio sospettato di essere serial killer, ecco come uccideva 
Foto d’archivio

Un serial killer in azienda che uccide i colleghi 

Avrebbe ucciso 21 suoi colleghi di lavoro avvelenandoli. Un operaio di 56 anni, che lavora in una fabbrica di componenti industriali, è stato per ora arrestato per tentato omicidio ma secondo gli inquirenti potrebbe essere un vero serial killer. 

L’uomo, un tedesco che vive a Schloss Holte-Stukenbrock in Germania, è stato arrestato perché le telecamere di sicurezza l’hanno ripreso in quello che sembra un vero tentativo di avvelenamento del pranzo di un collega. 

Dopo questo fatto, gli inquirenti hanno cominciato a lavorare sui casi di ben 21 morti rimasti irrisolti: morti che hanno coinvolto, con una coincidenza che è inquietante, 21 dipendenti dell’azienda dove lavora l’uomo. Sono morti quasi tutti di infarto ma alla luce di questa rivelazione, forse il loro decesso potrebbe essere causato da avvelenamento, e trattarsi quindi di omicidio. 

Ecco come l’hanno scoperto 

L’operaio è stato visto aprire il pacchetto del pranzo del collega e mettere qualcosa nel panino. Il collega aveva visto che nel panino era spalmata una sostanza, e quindi aveva fatto presente la cosa ai superiori, i quali a loro volta hanno chiamato la polizia. Dal video, poi, si vede l’operaio che strage una sostanza polverosa nel panino. La sostanza era acetato di piombo tossico, una sostanza altamente tossica che non ha sapore ma causa gravissimi danni al corpo. 

Dopo la perquisizione della casa del sospetto la polizia ha detto che l’uomo “ha cercato a lungo di produrre sostanze tossiche, compresi i composti di metalli pesanti”.