Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica

Schiaffi in Parlamento: la tensione sale e il Presidente Fico sospende la seduta

CONDIVIDI

Rissa in parlamento tra Fdi e Lega

Nel corso della seduta odierna della Camera dei deputati che vedeva al primo punto l’approvazione del taglio ai vitalizi promosso ed auspicato dal governo Lega-M5S, i deputati sono andati prima allo scontro verbale e quindi a quello fisico. La bagarre è iniziata durante l’esame del dl palagiustizia di Bari, alcuni dei deputati dei due schieramenti hanno cominciato a discutere troppo animatamente richiamando l’attenzione del Presidente della Camera Roberto Fico, il quale dopo un minuto di richiami ufficiali all’ordine nei confronti di alcuni deputati è riuscito a portare una calma temporanea, permettendo anche l’intervento del membro del PD Fiano che ha richiesto un richiamo al regolamento.

Il richiamo al regolamento di Fiano e l’interruzione della seduta

Mentre il deputato Fiano esponeva i motivi del richiamo al regolamento dichiarando: “La invito formalmente a richiamare il rappresentante del governo che ha appena minacciato i membri dell’opposizione”, parte finale della frase ripetuta con sempre maggiore enfasi prima di aggiungere: “Il rappresentante del Governo non è qui in funzione di Pubblico Ministero”. E’ stato a questo punto che dietro le sue spalle è cominciata una lite che vede coinvolti, almeno secondo i richiami del Presidente della Camera, i deputati Silvestroni e Liuni. Dopo il vano tentativo di far ragionare i deputati che stavano discutendo troppo animatamente, Fico ha deciso che era il caso di interrompere la seduta.